Home > Recensioni > Coez: Faccio Un Casino
  • Coez: Faccio Un Casino

    Autoprodotto / Sounday

    Data di uscita: 05-05-2017

    Loudvision:
    Lettori:

 

E’ uscito il 5 maggio Faccio Un Casino il nuovo atteso disco di Coez. Si tratta del quarto album dell’artista romano, capace di muoversi nei terreni del pop e del rap con grande disinvoltura. Il disco rivendica una scelta discografica di completa indipendenza. Il disco, prodotto insieme a Niccolò Contessa (I Cani) e Sine, contiene dodici tracce schiette, intime, capaci di descrivere sentimenti come l’amore, l’amicizia, in maniera diretta ed emozionante.

Negli ultimi tempi il ricorso al pop e al mainstream è stato piuttosto inflazionato, e Coez non è stato da meno con gli ultimi due album prodotti dalla Carosello. In questo progetto indipendente sembra voglia ricongiungersi con quella fetta di nicchia rap che aveva “abbandonato” a partire dalla sua produzione con Sinigallia, senza scontentare il suo “nuovo” pubblico composto da ragazze sulle spalle dei fidanzati che cantano i ritornelli melodici con l’accendino acceso durante i suoi live.E’ un tentativo riconciliatorio piuttosto riuscito, un album in cui si alternano tracce indie-pop come “Faccio Un Casino” a tracce dure da scena rap romana degli esordi come “Still Fenomeno” e “Taciturnal”, senza tralasciare l’animo romantico e la lentezza di canzoni “da live” come “E yo Mamma”. 

A margine dell’ascolto del disco un nota bene elogiativo va fatto sul “coraggio” di mettersi in gioco da indipendente senza paura di finire nel sottobosco dei dimenticati, e senza temere ripercussioni da parte dei puristi del rap vecchio stile che stanno lì a giudicare questo ritorno alle origini come vecchi cecchini sopra ai grattacieli. Anche i video sanno di coerenza progettuale, in “Faccio Un Casino” vediamo un Coez arredare casa sua da zero, riprendersi con una GoPro, e in tempi di cinghia strette vedere un po’ di sana economia anche nella discografia resta sempre un bel segnale.

 

Pro

Contro

Scroll To Top