Home > Report Live > Coez, il ‘sold out’ che fa casino

Coez, il ‘sold out’ che fa casino

Il titolo del disco era di buon auspicio, e Coez ha fatto veramente un gran casino. Soprattutto se parliamo delle due paroline magiche che fanno esaltare ogni artista durante il suo tour: “sold out”. Tutti i concerti delle date invernali di “Faccio Un casino Tour” hanno fatto il pienone. Ieri all’Alcatraz di Milano lo spettacolo si è ripetuto, nonostante le due precedenti (2, 3 dicembre), anche la terza data milanese si è saputa difendere.

In tanti ad attendere Coez, molti arrivati decisamente in anticipo pur di avere un posto tra le prime file. Ma come da programma si sapeva già che il rapper romano sarebbe arrivato alle 22.00.
Un pubblico abbastanza giovane, forse pure troppo, per godersi il live senza la compagnia del più caro amico degli ultimi tempi, lo smartphone. Tra un disco, doppio o triplo, di platino, in scaletta non sono mancati i più grandi successi anche quelli probabilmente meno conosciuti ma comunque importanti per la carriera dell’artista, come “Non Erano Fiori” (omonimo titolo del secondo album in studio, 2013).
Coez, infatti, non è proprio l’ultimo arrivato, la novità del momento. L’artista ha già pubblicato quattro dischi, ma lui ama scherzarci su e si rivolge alla giovane platea con ironia, un’ottima compagnia per certe situazioni: “Scommetto che molti mi seguite da sempre, si dice sempre così. Dai, con sincerità, alzi la mano chi mi segue da qualche settimana?”.
Dobbiamo riconoscere all’artista un gran talento nel saper gestire il palco. Coez non è stato soltanto bravo musicalmente (può piacere o non piacere – ma i testi sono comunque di livello) ma è anche molto simpatico. Tiene molto a interagire con il suo pubblico facendo dei giochi: “che dite, riusciamo a battere quelli stronzi della serata precedente?” Vediamo chi canta più forte Faccio Un Casino”. Altro pezzo degno di nota, estratto dall’ultimo lavoro, è “E Yo Mamma” (doppio disco di platino digitale) una dedica alla mamma che Coez invita a ringraziare per lui: “un grazie a mia mamma regà”.
Prima di salutare il pubblico con l’ultimo pezzo “E Invece No”, Coez canta (bis a grande richiesta) il triplo disco di platino digitale “La Musica Non C’è”. Forse uno dei momenti veramente belli – e attesi – della serata, non perché abbia qualcosa in più rispetto le altre canzoni, ma semplicemente perché è bello vedere un artista che, senza farselo ripetere più di tanto, intona la stessa canzone due volte di seguito.

 

Scaletta

Forever alone
Occhiali scuri
Siamo Morti insieme
Le luci della città
Deluso da te
Hangover
Lontana da me
Non erano fiori
Vorrei portarti via
Costole rotte
Ali sporche
Jet
Testa Uragano feat. Gemello
Taciturnal feat Gemello
Faccio un casino
Faccio un casino – cantata dal pubblico
La musica non c’è
La musica non c’è – bis
Chiama me
E invece no

Scroll To Top