Home > Recensioni > La Colpa: Controumano
  • La Colpa: Controumano

    INRI / Music First

    Data di uscita: 19-10-2018

    Loudvision:
    Lettori:

Il rock in Italia è davvero morto? No. E il nuovo album de La Colpa, “Controumano”, ce lo conferma. In uscita per INRI il prossimo 19 ottobre, è il secondo, arrivato a tre anni dal precedente, “Mentre Guardi Alla Germania”.

Cosa vuole comunicarci la band milanese è (facilmente) intuibile già dal titolo. Gli umani oggi non sono più umani: è questo il messaggio. Questo può essere definito tranquillamente un concept album, il cui protagonista principale è l’uomo moderno, con le sue mancanze, il suo essere sempre distratto, la sua perdita di valori. Può sembrare una visione pessimistica dei giorni nostri, ma non lo è, almeno non del tutto.
La Colpa nei suoi testi non accusa mai. Esamina e basta. Quel che vuole proporre ai suoi ascoltatori è la realtà, pura e cruda.

A partire da L’Alternativa”: viviamo in un mondo troppo legato alle cose materiali. E così facendo ci stiamo dimenticando dei veri valori. E ci stiamo dimenticando così di essere umani. Per arrivare a “Morti”, un invito a non farsi condizionare dagli altri, a trovare una propria personale identità, una propria linea di pensiero. Passando per “Perdere Tempo” che ci dice che, troppo spesso, perdiamo tempo in cose inutili, anzichè utilizzarlo per fare qualcosa di costruttivo.

“Controumano” è uno schiaffo (morale). Uno di quelli “educativi” però, utili per svegliarsi ed aprire finalmente gli occhi sulla vita. È un invito a vedere davvero ciò che si guarda, a non essere superficiali, ad essere profondi, a non sprecare tempo, a ricercare stimoli. È uno di quegli album che può insegnare, oppure quantomeno far riflettere. È decisamente un album da ascoltare.

Pro

Contro

Scroll To Top