Home > Recensioni > Comeback Kid: Symptoms + Cures
  • Comeback Kid: Symptoms + Cures

    Comeback Kid

    Data di uscita: 31-08-2010

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

E lo sciroppo per la tosse?

I canadesi, oltre a fingersi persone tranquille, sanno pure incazzarsi.
Come possiamo affermare empiricamente questa legge? Provate ad ascoltare il sesto lavoro dei CBK, un concentrato di soda caustica ed iroso infervoramento. La reazione sarà una piacevole sorpresa.

Rimpiazzata la voce di Scott Wade con l’emblema della morte delle corde vocali, ovvero la new entry Andrew Neufeld – già presente nell’album “Broadcasting…” del 2007 -, il quintetto hardcore si butta in atmosfere energiche di passione spinta ai confini della razionalità, ove chitarre più ronzanti che melodiche strisciano nei meandri delle ritmiche martellanti, senza perdere il tono o infiacchirsi.
Movimento assicurato anche ai manici di scopa.

Nonostante la violenza intrinseca, il quarto studio album del gruppo originario di Winnipeg ha un suo perché, altrimenti non riuscirebbe a reggersi in piedi. I testi, rigorosamente improntati alle tematiche dell’illusione e della delusione, nonché alla frustrazione dell’uomo comune, filano grazie alla loro logicità e conducono l’ascoltatore fino all’amara fine con “Pull Back The Reins”.
Non è di certo un prodotto adatto a chi si scoraggia facilmente.

Pro

Contro

Scroll To Top