Home > Rubriche > Compilation > Cominciare bene

Cominciare bene

Venerdì scorso è uscito nei cinemi italiani Inception, il nuovo film di Christopher Nolan, un regista noto per imbastire trame complesse e appassionanti, che giocano con la mente dello spettatore tanto quanto con quella degli attori, nonché per Scarlett Johansson vestita da signorina di malaffare dell’Ottocento. Un po’ Terry Gilliam, un po’ Tim Burton d’annata, un po’ interprete dei miei sogni più perversi, Nolan ha quel tocco magico che solo i più grandi hanno: la capacità di saper cogliere al volo le migliori espressioni dei suoi attori, siano essi inespressivi e monotoni come Christian Bale o trasformisti e poliedrici come Leonardo Di Caprio.
Volete una dimostrazione? Eccola.


Sopra: una dimostrazione.

Visto? Con una sola, semplicissima inquadratura, Christopher Nolan è riuscito a cogliere la più pura e inadulterata essenza del Di Caprio nazionale, consacrandolo per sempre nel firmamento dei migliori attori della storia del cinema.
E pensare che la carriera del piccolo Leo cominciò così male! Il suo primo lungometraggio, infatti, fu Critters 3, terzo capitolo — come dice il titolo, nella parte del “3″, non nella parte di “Critters”, perché quello indica che nel film ci sono degli extraroditori, come sa perfettamente chiunque, da piccolo, abbia visto Critters – Gli extraroditori, forse nella speranza di trovare un’alternativa ai Gremlins, forse aspettandosi una specie di Tremors con i criceti, ma senza Kevin Bacon — di una saga fatta di amore, vicesceriffi e alieni divoratori di cose, solo che molto bellini.


Sopra: una dimostrazione.

Critters 3 parla di (citiamo Wikipedia) «alieni pelosi che usciti da un uovo, rotolando come palle, lanciano aculei che stordiscono e mordono fino ad uccidere». È quindi un film ricco di mistero e domande irrisolte, per esempio come faccia un aculeo a mordere fino a uccidere o cosa ci faccia Leonardo Di Caprio nel cast.

La risposta a quest’ultima domanda è semplice: era il suo debutto! Voleva solo fare soldi! Voleva entrare a gamba tesa nel dorato mondo dello spettacolo! Voleva vincere alla vita! Voleva combattere gli alieni pelosi!
E poi, fosse stato l’unico grande a debuttare con un film di merda.
OH! Fosse stato l’unico!
OH! Per esempio, sapete che…
[PAGEBREAK] 7.
L’attore
Tom Cruise, che alcuni conoscono come Thomas Cruise Mapother IV, altri come “quello di Top Gun” e i più attenti come “l’emissario sulla Terra di Xenu, il dittatore galattico, sceso tra noi per infiltrarsi nella nostra società, farci un lavaggio del cervello collettivo tramite i suoi film e Katie Holmes e, infine, rubare le nostre anime, grigliarle sul fuoco della Gehenna e darle in pasto ai ratti cosmici degli abissi interstellari”.


Sopra: altri ancora lo conoscono come “nano”.

Famoso per
Per i più stagionati, o per le quarantenni in fregola, Tom Cruise è famoso per Top Gun, film che parla di lui che strappa le mutande a chiunque gli passi nel raggio di qualche decina di metri e ingravida donne, uomini e oranghi, tutto con il sapiente uso del suo sorriso e del suo enorme, scintillante aeroplano.
Per tutti gli altri, Tom Cruise è famoso per aver provato a reinventarsi una carriera da attore serio (grazie a capolavori tipo Collateral), da interprete di ruoli drammatici (come in quel film in cui lui vive il dramma di smettere di scoparsi Cameron Diaz per sostituirla con Penelope Cruz) o da cazzone galattico ma in modo intelligente e ammiccante (Tropic Thunder?).
Per i pochi di voi che sono attenti e che hanno a cuore la salvezza della propria anima immortale, Xenu il dittatore galattico e così via.


Sopra: il principale di Tom Cruise.

Debuttò con
Endless Love (Franco Zeffirelli, 1981), un film di Zeffirelli che però non è tipo un film bello di Zeffirelli ma più tipo un film brutto di Zeffirelli. È un film talmente bello che la colonna sonora e il tema portante arrivano entrambi dalla fertile penna di Lionel Ritchie e che ha ricevuto solo sei nomination ai Razzie awards, gli Oscar dei film brutti. Questo vi fa capire che Endless Love è un film brutto.


Sopra: ma con una bella locandina.

Che parla di
Temi scottanti come l’amore tra due persone con una drammatica differenza d’età. Il protagonista, infatti, che è Martin Hewitt e ha diciassette anni, è innamorato di Jade, che, pensate un po’, è Brooke Shields e HA SOLO QUINDICI ANNI.
Questo comporta tante sbatte da parte di genitori gelosi, incendi dolosi, James Spader nella parte di uno dei parenti di Brooke Shields e infine il nostro Tom, nel significativo ruolo di BILLY, talmente significativo che non mi ricordo chi sia nel film e che interesse possa avere nel contesto della storia.


Sopra: anche perché Brooke Shields.
[PAGEBREAK] 6.
L’attrice

Jessica Alba, nata Jessica Marie Alba e cresciuta MOLTO FREGNA. Più importante del suo nome è però il nome della sua città natale, Pomona, termine americano che significa “persona con i seni grossi e tondi”.


Sopra: Pomona.

Famosa per
Tra le altre cose, per aver passato ore e ore in costume da bagno in compagnia di un delfino curioso. Più di recente, per aver passato un paio d’ore in costume da bagno in Into The Blue (John Stockwell, 2005), per aver ballato in costume di pelle in Sin City (Robert Rodriguez, 2005), per essere rimasta inguainata in tutine aderenti per l’intera durata dei due orripilanti film sui Fantastici 4, per aver ballato tutta sudata in Honey (Bille Woodruff, 2003) e per essere apparsa in topless a fianco di Danny Trejo in Machete.


«BOOM! Ora ti esploderà la testa»

Insomma, miglior attrice di sempre.

Debuttò con
Camp Nowhere (Jonathan Prince, 1994), che a dispetto del titolo non è un film horror brutto ma solo un film brutto, come si può dedurre dalla locandina.


Sopra: una bella locandina.

Che parla di
Mud non vuole andare in campeggio, ma i suoi genitori ce lo vogliono mandare.
Gli amici di Mud hanno lo stesso problema di Mud: non vogliono andare in campeggio, ma i genitori di Mud ce li vogliono mandare.
Mud si ribella ai tirannici genitori di Mud costruendo un finto campeggio, nel quale sono assenti i genitori di Mud ma è presente Mud, oltre a Jessica Alba.


Sopra: in tutto il suo splendore. Non nella foto: l’acne; i genitori di Mud.

I genitori di Mud lo scoprono, o forse no. I genitori di Mud chiamano la polizia, ma Mud non tradisce Dennis, che fino ad adesso non abbiamo citato ma che ha il ruolo dell’insegnante pederasta. Il finale, nella miglior tradizione del cinema francese o del teatro beckettiano, ci racconta che

«dopo un’implorazione da parte dei ragazzi, i quali si assumono la colpa di tutto per difendere Dennis, che anziché scappare aveva deciso di fermarsi per difenderli, questi viene lasciato andare e grazie a lui i ragazzini hanno fatto una grande esperienza nella loro vita»


Sopra: tipo così, ma con Jessica Alba.
[PAGEBREAK] Bonus track.
L’attrice

Natalie Portman, nata Natalie Herschlag, quella che adesso ha fatto un film che non ho ancora visto ma sarà una palla al cazzo pretenziosa e pseudopoetica, nonostante nasca dalla macchina da presa di un regista talmente talentuoso da essere riuscito nell’impresa di girare Requiem For A Dream e contemporaneamente chiavarsi Rachel Weisz. Tutto ciò è detto senza alcun pregiudizio nei confronti di Darren Aronofski e senza nessun rancore per The Fountain e anche per quella storia di Rachel Weisz.


Sopra: ci stiamo distraendo da:-O

Famosa per
Essere il feticcio di tutta una generazione di registi (e spettatori) che hanno imparato ad apprezzare la versatilità, la bravura, il talento, la bellezza, la dolcezza e anche la pelata di Natalie Portman, dandole ruoli in film importanti e molto belli tipo V For Vengeance, The Darjeeling Limited e I TRE NUOVI GUERRE STELLARI.


Sopra: complimenti! Questa notte dormirete malissimo.

Debuttò con
Curiosamente, con un capolavoro. E neanche facendo una particina del cazzo in cui praticamente non la si vede. No! Facendo la protagonista. A fianco di Jean Reno. Che, ricordiamolo, non è francese ma spagnolo, si chiama Juan Moreno y Herrera-Jiménez ed è nato a Casablanca. Che è in Marocco, quindi insomma, la prossima volta che i francesi fanno i fighi perché hanno grandi attori tipo Jean Reno potete SPUTAR LORO IN FACCIA.


Sopra: ah sì, il film era Leon (Luc Besson, 1994), il cui titolo inglese è The Professional mentre di quello francese non ci fotte un cazzo perché JEAN RENO NON È FRANCESE.

Che parla di
Un sicario che NON È FRANCESE che salva la vita a una ragazzina che è Natalie Portman, NON FRANCESE e tredicenne provocante e incazzata. I due lottano contro il cattivo Gary Oldman, attore NON FRANCESE COME JEAN RENO, e alla fine lei vince perché è una tredicenne provocante e incazzata.


E NON FRANCESE.
[PAGEBREAK] 5.
L’attore

Johnny Depp, nato John Christopher Depp, cresciuto bello, invecchiato meglio, abitante sull’isola di Fuck Off Island, recitante in film buffi e film tristi, film seri e film d’azione, facente urlare ragazzine, ragazze, donne, mamme, nonne, maschi omosessuali, femmine omosessuali pentite, maschi eterosessuali ma sufficientemente aperti di mente da potersi permettere di apprezzarne manifestamente il fascino senza essere tacciati di amare il cazzo, cani, gatti, canarini e anche un piccolo ippopotamo rosso scuro.


Sopra: Johnny Depp è bello.

Famoso per
Praticamente qualsiasi cosa faccia. Film di cappa, spada, pirati e mostri tentacoluti? Fatto. Film sulla droga e la morte degli anni ’60? Fatto (ah ah ah). Film su famosi gangster americani, film di Terry Gilliam, film su misconosciuti registi di film brutti? Tutti fatti, tanto basta che ci sia il suo nome e il film diventa famoso.
Un esempio è l’ultima fatica cinematografica di un vecchio rincoglionito arteriosclerotico conosciuto come Tim Burton, rifacimento dell‘Alice di Lewis Carroll in salsa di MERDA FUMANTE DI VACCA, che nonostante sia una delle pellicole più offensive cagate fuori da una cinepresa negli ultimi dieci anni è diventata un successone planetario anche grazie alla presenza di OMG JOHNY DIPP CHE FA IL CAPPELLAIO MATTO!!!1!!111!.


Sopra: un insulto al buon gusto.

Debuttò con
Debuttò COME, soprattutto!
La storia racconta che, al tempo — siamo nel 1984, bambini, io ero appena nato, il punk stava morendo e Indiana Jones era più famoso del Papa, dei Beatles e di Gesù —, Johnny Depp facesse parte di un complessino della musica del rock and roll, che si chiamava The Kids e che aveva fatto di spalla a Iggy e ai Talking Heads. L’orchestrina non ebbe il successo sperato, e Johnny, per la disperazione, si sposò con un’amica di Nicolas Cage. Fu proprio l’assolutamente non raccomandato nipote di Francis Ford Coppola a proporgli, un giorno, mentre Johnny passava da un lavoretto all’altro per sbarcare il lunario, essendo peraltro reduce da un divorzio con l’amica di Nicolas Cage, costretto a barcamenarsi tra il mestiere di venditore di penne e quello di muratore, di tentare un provino per un film del cinematografò.
Dubbioso, Johnny Depp accettò, convinto probabilmente dalla qualità del film e dall’importanza del ruolo offertogli: quello di un ragazzino che viene divorato vivo da un letto.


Sopra: tanto per la cronaca, il film era Nightmare (Wes Craven, 1983).

Che parla di
Un tizio che compare nel sonno per ammazzarti, e ha la faccia di Robert Englund.
Il film ha dato origine a centinaia di sequel, tra cui Nightmare 2: Il Ritorno Del Mostro Con La Faccia Di Robert Englund Che Arriva Di Notte Per Ammazzarti, Nightmare 3: Non È Cambiato Nulla, C’È Sempre Robert Englund E Ammazzarti, Nightmare Nello Spazio, Nightmare Contro Totò, Nightmare A Miami, Nightmare In Love, Nightmare Prima Degli Esami.


Sopra: in ciascuno di questi film, il tizio qui sopra è la cosa più spaventosa che ci sia.
[PAGEBREAK] 4.
L’attrice

Uma Thurman, nata Uma Karuna Thurman, musa di Quentin Tarantino, divenuta famosa per avere gli occhi molto vicini tra loro.


Sopra: e per non avere un’oncia di fascino.

Famosa per
Essere la musa di Quentin Tarantino. Fare film dove ammazza tutti, tipo Kill Bill. Fare film dove fa le lesbicate, tipo Henry & June. Fare film in cui recita a fianco di Eddie Izzard, tipo My Super Ex-Girlfriend. Insomma, fare film che se non vi piacciono siete brutte persone.

Debuttò con
Kiss Daddy Goodnight (Peter Ily Huemer, 1987), un film nel quale ammazza tutti, fa le lesbicate, è minorenne e c’è Steve Buscemi.


Sopra: smettetela di pensarci, è ILLEGALE.

Che parla di
Uma Thurman che fa la prostituta minorenne che scopa gli uomini e poi li deruba. Tutto cambia quando le ammazzano un’amica e lei se la piglia a male, decidendo di vendicarsi.
Detto così sembrerebbe un bel film, se non fosse che è bruttino, girato male, quasi amatoriale e soprattutto ormai introvabile, visto che le scene di Uma Thurman minorenne che fa sesso sono state considerate “troppo scandalose” da qualche benpensante.

A questo punto vorremmo potervi mostrare almeno un po’ di tetta, ma Google Immagini ci tradisce. Chiuderemo dunque la pagina con la foto di un anemone di mare.


[PAGEBREAK] 3.
L’attore
Tim Roth, figlio di Ernie Roth, giornalista britannico di origini irlandesi, da cui il suo vero nome che era Ernie Smith.
Se vi state chiedendo come mai il padre di Tim Roth abbia fatto questa scelte, sappiate che è stato «in order to hide his nationality when travelling in countries hostile to the British».
Durante la seconda guerra mondiale.
Cambiando dall’anonimo Smith all’ebraicissimo Roth.


Sopra: perfino baby Hitler è indignato.

Famoso per
Soprattutto per Reservoir Dogs (Quentin Tarantino, 1992) e Pulp Fiction (Trentin Quarantino, 1994), più di recente per il ruolo del posato e assai intelligente dottor Cal Lightman nella serie TV Lie To Me, dove, con garbo, acume e spirito d’intuizione degni solo di un intellettuale d’altri tempi, riesce a sventare trame criminali e a smascherare anche i più incalliti bugiardi.
Un ruolo che solo una persona con lo sguardo intenso e la pacatezza di Tim Roth avrebbe potuto interpretare.


«E adesso chiudi la tab con il porno tra cavalli. E NON FAR FINTA DI NON SAPERE DI COSA PARLO».

Debuttò con
Made In Britain (Alan Clarke, 1982), un film intenso, pacato e intellettuale come il suo interprete. Parla infatti di uno skinhead inglese sedicenne violento razzista alcolista drogato che dà un sacco di botte a della gente e ne prende altrettante. Un po’ come A Clockwork Orange, ma senza cappellini buffi.


Sopra: o American History X, senza Ed Norton ma con Tim Roth nella parte di Ed Norton.

Che parla di
MENARE LE BOTTE AI NEGRI AGLI EBREI E AGLI ZINGARI.
Grosso modo.
E poi prenderle di rimando.
E lo scontro con l’autorità, e la ribbellione, e la gioventù britannica bruciata.

E menare agli ebrei.

Tim.
ROTH.


[PAGEBREAK] 2.
L’attrice

Hilary Swank, nata Hilary Ann Swank, nota perché pare ‘n’omo, nuta qvasi mai proprio perché di non eccessiva venustà. Neta e nita non vogliono dire nulla, rovinando così la battuta.


Sopra: nonostante tutto, seni.

Famosa per
Film strappalacrime e dalla pesantezza quasi insostenibile e sicuramente più insostenibile di quanto l’essere non sia leggero, per esempio Boys Don’t Cry (Kimberlye Peirce, 2001) o quello per cui ha ottenuto l’Oscar, Million Dollar Baby (Clint Eastwood, 2004).


Sopra: Clint Eastwood. Fuori dall’inquadratura: il CAZZO di Clint Eastwood.

Debuttò con
Un film strappalacrime e dalla pesantezza quasi insostenibile, presago dei futuri apici di drammaticità che la dolce Hilary avrebbe raggiunto negli anni a venire. Un film intenso e struggente, che tratta temi delicati e quasi pericolosi con una levità e contemporaneamente una profondità d’analisi che neanche i grandi registi del nostro tempo sono riusciti non dico a raggiungere, ma nemanco a sfiorare.
Stiamo parlando di BUFFY THE VAMPIRE SLAYER.


Sopra: un film d’essai.

Che parla di
Una cheerleader che scopre di dover ammazzare tutti i vampiri.
Nel film compaiono anche Donald Sutherland, Rutger Hauer, David Arquette.
Non viene data alcuna spiegazione di ciò.

Nel film, Hilary Swank fa la migliore amica di Kristy Swanson, che poi fa Buffy, che in questa pellicola si distingue da Sarah Michelle Gellar perché non è fastidiosamente cessa.
Nel film appare anche Luke Perry, il che non è di per sé sufficiente a nobilitarlo in quanto film ma sicuramente lo aiuta a distinguersi dagli struzzi perché non esistono struzzi con dentro Luke Perry.


Sopra: uno struzzo. Come potete vedere, non c’è traccia di Luke Perry.
[PAGEBREAK] Bonus track.
L’attrice

Scarlett Johansson.

Famosa per
Essere Scarlett Johansson.


«Io?»

Debuttò con
Non è importante.
L’importante è, innanzitutto, Scarlett Johansson.
In secondo luogo, ciò che conta sono un paio di film successivi, ma sempre nell’intorno del debutto di Scarlett Johansson — ecco il perché della posizione fuori classifica.
Questi film sono tre.
Il primo è If Lucy Fell (Eric Schaeffer, 1996), un film con Ben Stiller e un cavallo con il corpo di Sarah Jessica Parker, nel quale Scarlett Johansson c’è e questo lo rende un grande film.
Il secondo è il seguito ideale di If Lucy Fell: Fall (Eric Schaeffer, 1996), un film nel quale Scarlett Johansson interpreta il ruolo di LITTLE GIRL.


Sopra: la doppietta IF LUCY FELL — FALL avrebbe dovuto farvi tanto ridere. Se fosse stata presentata in modo divertente e frizzante. Purtroppo, Scarlett Johansson, confusione, giramento di testa.

Il terzo è un film che parla di Macaulay Culkin che viene dimenticato dai genitori, solo che Macaulay Culkin è già in ballo con Michael Jackson e quindi c’è un suo sostituto e poi Scarlett Johansson. Stiamo parlando di Home Alone 3, che si distingue dai film belli perché è molto brutto.


«Better than the first two!»

Che parla di
Niente, sono tre film e non sono neanche il debutto dell’attrice in questione che poi è Scarlett Johansson, quindi chissenefrega della trama? Cercavamo solo una scusa per poter parlare ancora di Scarlett Johansson, e l’abbiamo trovata.


Sopra: sto parlando di Scarlett Johansson.
[PAGEBREAK] 1.
L’attore

Billy Bob Thornton, figlio di una sensitiva e di un insegnante di storia, membro di una famiglia metodista, cresciuto senza acqua corrente né elettricità, bluesman, scrittore, amico di Billy Wilder, ex marito di Angelina Jolie, e soprattutto sofferente di parecchie fobie, tipo quella dei mobili antichi e dell’argenteria.


«L’ORRORE! L’ORRORE!»

Famoso per
A parte il mediocre Bad Santa, nel quale recita la parte di Babbo Natale cattivo, Billy Bob ha recitato in filmoni tipo The Man Who Wasn’t There dei fratelli Coen, A Simple Plan (Sam Raimi, 1988), Monster’s Ball cioè QUEL FILM CON HALLE BERRY NUDA e, sempre in tema Coen, Intolerable Cruelty.
È diventato famoso, insomma, per ruoli da bello e dannato o da zozzo bastardo, in film di registi sagaci e brillanti ma caratterizzati da una costante vena di amarezza, che hanno fatto della ricerca estetica un credo e dell’indagare nell’animo umano un’ossessione, sempre senza perdere di vista l’ironia e il sarcasmo che, d’altra parte, traspaiono da ogni sguardo, ogni gesto, ogni parola e ogni respiro dello stesso Billy Bob, attore intelligente ma cinico, dolce ma rude, ricercato e sanguigno al tempo stesso.


Sopra: ricercato e sanguigno.

Debuttò con
Chopper Chicks In Zombie Town (Dan Hoskins, 1991).


Sopra: L’ORRORE! L’ORRORE!

Che parla di
Una gang di motocicliste chiamate CYCLE-SLUTS che capitano nella città di ZARIAH e lì scoprono che un vecchio professore pazzo, aiutato dal suo assistente nano, uccide la gente e la trasforma in zombie per poi usarli come schiavi nella sua miniera. Le Cycle-Sluts decidono di porre fine alla follia massacrando il professore e dando fuoco alla chiesa del paese.

Riuscite a pensare a un esordio migliore?


Sopra: sì.

Scroll To Top