Home > Report Live > Con loro fino alla morte

Con loro fino alla morte

All’inizio era una data, al Circolo Degli Artisti di Roma, poi, visto il sold out, se n’è aggiunta un’altra all’Orion di Ciampino, locale non semplice da riempire, eppure loro ci sono riusciti, pur non bissando il sold out.

Sono stati in molti, infatti, ad accorre al locale per assistere al concerto degli Archive, che si non sono fatti attendere e sono saliti sul palco con pochi minuti di ritardo rispetto all’orario di inizio previsto.

In apertura “Wiped Out”, prima traccia anche del loro ultimo lavoro, “With Us Until You’re Dead” pubblicato pochi mesi fa, che verrà eseguito quasi per intero nel corso della serata: dal singolo “Hatchet” a “Stick Me in My Heart” e “Violently”. Per i vecchi fans, però, non mancano anche canzoni più datate, tra cui “You Make Me Feel”, tratto da “Take My Head” del 1999 e “Fuck U”, pubblicato nel 2004 in “Noise”.

Nonostante il loro ultimo disco sia uscito da pochissimo, vengono anche presentati due inediti, “Build and Construct” e “Black and Blue”, che il pubblico accoglie con caloroso silenzio.

Gli Archive sul palco son quasi delle presenze eteree dietro una cortina di fumo ispessita dalle luci. Lo show è una continua altalena tra momenti intimisti, basati tutti sulla voce, e altri in cui la musica si impadronisce violentemente del gruppo e dei presenti in un turbine da cui impossibile non essere risucchiati perdendo la concezione del tempo e dello spazio.

Il pubblico tributa la dovuta attenzione restando in silenzio durante i giochi di voce proposti dal gruppo, ma accompagna battendo il tempo con le mani non appena gli Archive lo richiedono. Nessuno riesce a resistere alla loro musica, anche l’addetto al mixer tra un pulsante e una levetta si agita dietro la console.

Nonostante il concerto duri più di due ore e gli Archive risalgano sul palco due volte, il pubblico ne vorrebbe ancora. La serata, però, è finita e la band inglese si mette allineata sul palco per applaudire il suo pubblico che ricambia abbondantemente. In entrambi i casi un applauso meritatissimo.

“Wiped Out”
“You Make Me Feel”
“Sane”
“Interlace”
“Stick Me in My Heart”
“Conflict”
“Violently”
“Build and Construct”
“Again”
“Fuck U”
“Pills”
“Black and Blue”
“Dangervisit”
“Damage”
“Rise”
“Silent”
“Hatchet”
“Controlling Crowds”
“Kings of Speed”
“Waste”
“Twisting”
“Bullets”

Scroll To Top