Home > Rubriche > Music Industry > Conosciamo il DLNA e scopriamone i benefici

Conosciamo il DLNA e scopriamone i benefici

Fino a qualche tempo fa, avere una casa dove si poteva ascoltare la musica in ogni stanza e condividere i video da un dispositivo all’altro era un sogno che solo in pochi potevano permettersi. Installare sistemi audio/video multi-room richiedeva specifiche conoscenze tecniche e comportava una spesa piuttosto elevata. Oggi, grazie alla diffusione delle tecnologie Wireless e con l’implementazione di protocolli di comunicazione universali, questi sogni sono diventati una realtà alla portata di tutti.

Realizzare una casa multimediale è diventato semplicissimo e i vantaggi sono tantissimi. Ci possiamo immergere nella vasca da bagno ascoltando la musica di Chopin mentre nostra moglie è in cucina canticchiando gli ultimi successi Pop scaricati dal Web. Allo stesso tempo i nostri figli possono stare in salone immersi nella visione dell’ultimo capolavoro della Walt Disney. Scenari come questo sono diventati una realtà perché per collegare e far comunicare tra loro i vari dispositivi non occorre effettuare configurazioni complicate.

Basta una parolina magica: DLNA. Molti avranno sicuramente letto questa sigla su televisori, player Blu-ray, box multimediali, telefonini, console e altro ancora. Ma di cosa si tratta? Acronimo di Digital Living Network Alliance, è un progetto nato dalla collaborazione delle più importanti case produttrici di apparecchiature elettroniche con lo scopo di creare uno standard comune per la comunicazione di dispositivi audio/video su rete locale. Il fine è quello di permettere all’utente di condividere e godere di tutti i contenuti digitali dove e quando vuole.

Facciamo un esempio pratico. Se prima si voleva rivedere sulla TV un video registrato con una camcorder, si era costretti a riversarlo sul PC, editarlo con un programma di montaggio video e poi masterizzarlo su un supporto ottico da riprodurre su un lettore da tavolo. Col DLNA, invece, si può metterlo su un server centrale, anche senza ricorrere al computer, che lo metterà a disposizione di tutti i dispositivi compatibili con questo protocollo di comunicazione.

Le cose di cui abbiamo bisogno per realizzare la nostra casa digitale sono essenzialmente due: una rete domestica (cablata o wireless) e un set di dispositivi certificati DLNA. La prima è oramai presente in tantissime abitazioni perché quasi tutti hanno un modem/router senza fili col quale si collegano a Internet. Due o più apparecchi DLNA, collegati alla stessa rete, possono comunicare tra loro e condividere contenuti digitali senza dover configurare alcuna impostazione.

Se, ad esempio, abbiamo un disco di rete che può funzionare come server multimediale DLNA, possiamo caricarci le foto realizzate con la digicam, i brani MP3 scaricati da Internet o qualsiasi video digitale per poi averli sempre a disposizione. Una TV certificata DLNA, poi, potrà accedere ai film presenti sul server multimediale e riprodurli senza dover collegare altri dispositivi. Allo stesso modo possiamo trasferire la musica da un PC al lettore MP3, visualizzare le foto su una cornice digitale, ascoltare le proprie compilation musicali sul telefonino e molto altro ancora. Il tutto senza il fastidio di dover trasferire fisicamente i file da un apparecchio all’altro.

La comunicazione è indipendente dalla marca: i dispositivi certificati DLNA collegati alla stessa rete sono in grado di rilevarsi automaticamente tra di loro anche se di brand diversi. Non occorre, quindi, che il player da tavolo sia dello stesso produttore della TV: basta solo fare attenzione al momento dell’acquisto che entrambi abbiano il simbolo DLNA tra le specifiche. I contenuti digitali non dovranno essere copiati o masterizzati su supporti ottici, ma saranno accessibili da qualsiasi dispositivo in grado di riprodurli.

Ci è sembrato doveroso trattare (anche se in modo molto generale) questa tecnologia che troverà ampia applicazione nei prossimi anni. Molti magari hanno già diversi dispositivi pronti per creare una casa multimediale ma ancora non lo sanno: spesso dietro una semplice sigla si nascondono enormi potenzialità (come il caso del DLNA) che sarebbe un peccato non sfruttare. Nelle puntate successive cercheremo di analizzare alcune delle novità più interessanti presenti sul mercato per godere a pieno di musica e cinema dove e quando vogliamo.

Scroll To Top