Home > Recensioni > Corpus Mortale: A New Species Of Deviant
  • Corpus Mortale: A New Species Of Deviant

    Corpus Mortale

    Data di uscita: 28-07-2008

    Loudvision:
    Lettori:

An old species of metal

Ruffianamente impalpabili. Intendiamoci, ognuno è libero di fare (ed apprezzare) ogni genere di espressione musicale, ma se già per le stelle indiscusse degli anni ’80 e ’90 diventa complessa la sopravvivenza laddove non hanno saputo far meglio di un astuto e sostanzialmente legittimo autoriciclaggio, non vediamo come dei follower come i Corpus Mortale possano far breccia in data 2008 proponendo (insipidamente) la classica struttura del death americano vecchio almeno venti anni. La band non è certo al disco d’esordio, ma non possiede né la longevità artistica né le doti sufficienti per tenere in linea di galleggiamento il loro ultimo “A New Species Of Deviant”. Il susseguirsi dei brani risulta inoltre particolarmente statico, producendo in buona sostanza un grosso ed indigesto boccone da mandare giù. Domanarsi “cosa desiderano trasmettere i Corpus Mortale con questo lavoro?” è una domanda che si presta ad opache e poco esaltanti risposte. Più semplicemente, è sempre più frequente incappare in lavori scritti per autocelebrare le proprie passioni senza avere come obiettivo quello di voler lasciare dentro gli ascoltatori qualcosa di più. Senza qualcosa da dire, sarebbe preferibile tacere.
Solo per gli amanti della Deicide-era con tempo e denaro da sperperare.

Scroll To Top