Home > Recensioni > Crematory: Pray
  • Crematory: Pray

    Crematory

    Data di uscita: 01-02-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Tutto secondo i piani

Dopo diciassette anni di carriera fatta di alti e bassi, eccoci di fronte ad una nuova dimostrazione che i Creamtory, forse, hanno già giocato tutte le loro carte in passato. Di fatto, questo “Pray” nulla aggiunge a ciò di quanto detto dalla band nei precedenti dischi, nel bene e nel male. Infatti, questa nuova release mette in evidenza come i Crematory siano ormai vittime del loro stesso genere, un roccioso gothic metal, da cui sembra non riescono mai a distogliersi, ripercorrendo tutti i clichè del caso, ma senza risultare mai sopra le righe. Per tutti gli appassionati, “Pray” è comunque un disco che si lascia ascoltare, ma per chi è “estraneo” a questo tipo di sonorità, certamente non proseguirà nell’approfondimento di tale genere musicale. Troppo spesso si assiste a trame di chitarra scontate, tastiere mai incisive e a tratti ripetitive, growl potente ma utilizzato, a volte, impropriamente. Insomma, dispiace dirlo, ma i Crematory di oggi sono una band che, nonostante l’indiscussa carriera, invece che fare da punto di riferimento per gli altri gruppi emergenti, sta lentamente scivolando al livello di una qualunque formazione gothic metal. Si necessita una rapida svolta.

Scroll To Top