Home > Recensioni > Daft Punk: Random Access Memories
  • Daft Punk: Random Access Memories

    Daft Punk

    Data di uscita: 21-05-2013

    Loudvision:
    Lettori:

Oltre al funk c’è di più

È molto difficile scrivere dell’ultimo album dei Daft Punk (in uscita il 21 maggio 2013). L’ascolto rischia certamente di essere influenzato dalla lunga attesa, dalle grandi aspettative e, non ultimo, dai samples e leaks lasciati fuggire ad arte dai due francesi, ma il problema più grande da affrontare è il fatto che fondamentalmente “Random Access Memories” è un viaggio, un’esperienza (non per tutti?) che vive contemporaneamente nel passato e nel futuro, e per questo può risultare difficile da capire, forse anche indigesto. Funk, psichedelia, rock-pop anni ’80: tutto questo proiettato in un futuro elettronico dal puro marchio di fabbrica Daft Punk, doppiamente familiare e per questo spiazzante. Un disco da digerire lentamente.

Ti esaltano. Ti commuovono. Ti affascinano. Ti fan ballare. Non un ascolto, non due, ma molti di più ci vogliono per afferrare a fondo tutte le sfaccettature di questo lavoro, e bisogna pure essere capaci di fare della filologia della musica dance-pop degli ultimi trent’anni per capire la poetica alla base di “RAM”. Celebrazione idealizzante di un passato anche un po’ rimpianto o rielaborazione del passato per la creazione di qualcosa di nuovo? Agli ascoltatori l’ardua sentenza.

Pro

Contro

Scroll To Top