Home > Rubriche > Coming Soon > Dal 15 gennaio – La rivoluzione ha inizio con Avatar

Dal 15 gennaio – La rivoluzione ha inizio con Avatar

Sarà sicuramente un film rivoluzionario, l’ultima fatica di James Cameron, quell’“Avatar” che già da tempo sta fomentando i più appassionati sostenitori e consumatori della settima arte. Chi l’ha già visto si è dichiarato decisamente entusiasta, chi non l’ha ancora visto non vede l’ora di poterlo fare. Con un cast che comprende Sigourney Weaver, Tom Wilkinson, Michelle Rodriguez, Stephen Lang e Giovanni Ribisi e con il sorprendente utilizzo del 3D ci sarà sicuramente da leccarsi i baffi. Inutile dare anticipazioni sulla trama, perché in casi come questi si va al cinema veramente ad occhi chiusi.

Purtroppo l’interessante film di Tom Ford, “A Single Man”, è costretto a soccombere sotto il peso del ben più illustre “collega” di cui sopra. Fatto sta che la storia ambientata negli anni ’60 di quest’uomo che rimane solo dopo aver visto morire il suo compagno, e che viene al tempo stesso confortato da una cara amica e “perseguitato” da un suo studente omosessuale convinto di aver trovato l’anima gemella, non può far altro che incuriosire lo spettatore. Altro valore aggiunto alla pellicola è il cast composto da attori più o meno giovani, ma tutti molto interessanti: Colin Firth, Julianne Moore, Lee Pace, Matthew Goode e Jennifer Goodwin.

Ultimo film della settimana è “La Prima Cosa Bella” dell’italiano Paolo Virzì che da quando si è sposato con Micaela Ramazzotti non la molla più, nemmeno quando deve girare un film. Al di là dell’ironia sulla partecipazione al film dell’attrice sicuramente talentuosa, possiamo contare anche su un cast di comprimari solitamente soddisfacenti come Valerio Mastrandrea, Stefania Sandrelli e Claudia Pandolfi. Ambientato un po’ negli anni ’70, un po’ ai giorni nostri, è una intensa storia famigliare che comincia dalla madre e prosegue col figlio, abbracciando un periodo e una fetta della nostra Italia di notevole interesse.

Insomma, per questa settimana cinematografica non possiamo assolutamente lamentarci.

Scroll To Top