Home > Rubriche > Coming Soon > Dal 16 Gennaio – In Australia con Nicole o ad Appaloosa con Viggo?

Dal 16 Gennaio – In Australia con Nicole o ad Appaloosa con Viggo?

Tra Golden Globes appena consegnati e nomination agli Oscar in dirittura d’arrivo, è bene non perdere la concentrazione; in queste settimane post-natalizie gli occhi degli spettatori sono necessariamente puntati oltreoceano, complice anche un sensibile rallentamento delle nuove uscite italiane: nel week-end figura infatti solo una coproduzione italo-spagnola, “Imago Mortis“, horror macabro a cavallo fra il diciassettesimo secolo e i giorni nostri, con un cast internazionale.

Per il resto, come si diceva, Hollywood si impone e occupa con prepotenza gli schermi; esce innanzitutto nel nostro Paese “Australia” di Baz Luhrmann che dipinge, con la consueta vitalità stilistica, la storia d’amore tra Nicole Kidman e Hugh Jackman sullo sfondo tragico ed epico della seconda guerra mondiale. Non per tutti i gusti, probabilmente, ma decisamente imperdibile per i nostalgici di “Moulin Rouge!”, primo, coloratissimo, romantico incontro tra Baz e Nicole.

Da casa Disney spunta fuori l’improbabile “Beverly Hills Chihuahua” dedicato alle avventure della ricca e viziata cagnolina Chloe. Divertente, probabilmente. Simpatico, c’è da scommetterci. Utile, forse no.

E poco utile appare anche “Viaggio Al Centro Della Terra 3D” (“Journey To the Center Of the Earth 3D,”), rivisitazione 3d (come da titolo) del romanzo di Jules Verne nonché remake della pellicola diretta nel 1959 da Henry Levin. Questa nuova versione vede invece dietro alla macchina da presa Eric Brevig, fino ad oggi impegnato al cinema soprattutto nel settore degli effetti speciali. Tra i protagonisti, Brendan Fraser ed il giovanissimo Josh Hutcherson.

Ed Harris, nella doppia veste di regista e interprete, si butta nel vecchio west portandoci nella cittadina di “Appaloosa“; si nota tra gli attori la piacevole presenza di Jeremy Irons, qui nei panni del villain, ultimamente poco presente in ruoli di rilievo.

Passato prima al Festival di Cannes, e poi a vincitore dell’ultimo Festival di Torino, approda finalmente nelle sale italiane “Tony Manero“: un film drammatico che colloca la vicenda di un’aspirante ballerino nel Cile di Pinochet.

Torna infine l’autore di “Kolya”, Jan Sverak, con “Vuoti A Rendere” (“Vratné lahve”), garbata commedia su un professore che deve affrontare l’umanissimo dramma del proprio invecchiamento.

Scroll To Top