Home > Rubriche > Coming Soon > Dal 19 Dicembre – Fuggire a Ember o rifugiarsi sul Comò?

Dal 19 Dicembre – Fuggire a Ember o rifugiarsi sul Comò?

Correlati

Natale è alle porte ma l’offerta cinematografica di questo fine settimana pre-festivo è paradossalmente stanca, prevedibile: solo un po’ di comicità, romanticismo e un paio di pacchi dono anticipati per i più piccoli.

La Dreamworks occupa quello che tradizionalmente era lo spazio del film Disney natalizio con “Madagascar 2“, mentre “Ember – Il Mistero Della Città Di Luce” (“City Of Ember”), fantasy tratto da un romanzo per ragazzi di Jeanne DuPrau tenta di riempire i tristi cuoricini degli harrypotteristi, crudelmente privati dell’atteso sesto capitolo, previsto per novembre ma rimandato a luglio, della serie dedicata al celeberrimo mago.

“Ember” sembra rifarsi ad un immaginario non troppo originale (eroici ragazzini impegnati in imprese più grandi di loro) ma, proprio come la saga del giovane Potter, può fare affidamento su un cast lussuoso e insolito che vede impegnati sulla scena gli adulti Tim Robbins, Bill Murray, Martin Landau e la quattordicenne Saoirse Ronan, già piccola star di “Espiazione” e prossimamente sugli schermi con “Amabili Resti” di Peter Jackson.

Christian De Sica rispunta puntuale come ogni dicembre che si rispetti e questa volta trascina il solito gruppo di sgangherati personaggi a vivere le solite avventure in Brasile nel suo “Natale A Rio“. Portare un po’ di risate al pubblico italiano nel periodo delle feste è intento rispettabilissimo, tuttavia ci si chiede se alla lunga non sia noioso, tanto per gli autori quanto per gli spettatori, scrivere, girare e vedere sempre lo stesso film, anno dopo anno.

Per chi va in cerca di dosi massicce di romanticismo, ecco Richard Gere e Diane Lane che, sorridenti e innamorati, distribuiscono abbondanti dosi di elegante zucchero dolcissimo con “Come Un Uragano” (“Nights in Rodhante”), tratto da un romanzo di Nicholas Sparks.

Le famiglie in vena di drammi più impegnativi possono invece orientarsi su “Il Bambino Con Il Pigiama A Righe” (“The Boy In The Striped Pyjamas”), racconto dell’amicizia tra un bambino ebreo prigioniero in un campo di concentramento e il piccolo figlio di un ufficiale nazista; di tutt’altro genere “Baby Love” (“Comme Les Autres”), commedia francese su una coppia omosessuale che desidera un figlio a tutti i costi.

Così, in questo mare di pellicole più o meno promettenti ma comunque poco originali per temi, generi, contenuti, il film più attraente rischia di essere “Il Cosmo Sul Comò“, l’ultimo lavoro di Aldo, Giovanni e Giacomo, questa volta diretti da Marcello Cesena, protagonisti di quattro storie differenti e come di consueto immerse in atmosfere bizzarre e surreali.

Scroll To Top