Home > Rubriche > Coming Soon > Dal 21 luglio – Mistero, fantasia e commedia

Dal 21 luglio – Mistero, fantasia e commedia

Comincia a riprendersi l’offerta cinematografica d’agosto: sicuramente non ci sono film che suscitano attese spasmodiche ma, comparati alle scorse uscite, quelli della prossima settimana ci sembrano prodotti che perlomeno ci fanno venire più voglia di spendere i soldi del biglietto piuttosto che giocarceli al superenalotto, che tanto non vince mai nessuno.

Si comincia con “S. Darko”, girato da Chris Fisher, che è in sostanza il sequel del fortunato “Donnie Darko” e ne vorrebbe ripercorrere le orme. Peccato che il regista non sia più lo stesso e, anzi, si sia nettamente rifiutato di partecipare al progetto (cosa che ci mette la pulce nell’orecchio sulla qualità dello stesso) e che già dal trailer si preveda una plateale delusione per i fan più accaniti della prima pellicola. Tutto sommato potrebbe avere il pregio di richiamare al recupero della visione coloro che sbadatamente si sono persi quel piccolo cult di pregevole fattura.

Si procede con “Il Messaggero -The Haunting In Connecticut” di Peter Cornwell, che racconta le disavventure di una famiglia costretta a trasferirsi vicino ad una clinica dove uno dei componenti si sta curando dal cancro. Peccato che nella nuova casa cominceranno a succedere delle cose fin troppo strane a causa delle azioni di oscure presenze che la abitano. Non era meglio fare i pendolari?

Terzo film in uscita, “I Love You, Man”, si presenta in tutta la sua natura comica e demenziale a partire dal cast composto da Jason Segel e Paul Rudd, entrambi assi della cavalleria Apatow che finora sembra non aver sbagliato un film. Un uomo sta per sposarsi e si rende conto di non avere nessun caro amico a cui chiedere di fargli da testimone. Si mette alla ricerca dell’uomo giusto e trova l’amico perfetto legandosigli quasi morbosamente mettendo a rischio il rapporto con la fidanzata e persino il suo matrimonio. Niente di omosessuale, ma la solita latente misoginia presente nei film di questo filone, ben coperta da trovate simpatiche e divertenti. L’unica domanda che resta è: ma chiedere ad un parente di fare da testimone, no?

Infine, abbiamo “Il Mistero Della Pietra Magica” (“Shorts”), girato da quel Robert Rodriguez che ogni tanto si diverte a sfornare film d’avventura per ragazzi.
Il protagonista è un ragazzino che scopre una pietra colorata con poteri magici suscitando in poco tempo le brame di invidia e gelosia nei componenti della sua città, a paritre dai bambini fino ad arrivare agli adulti, tra cui un imperdibile William H. Macy. Che la pietra in questione contenga la combinazione vincente del superenalotto? In tal caso la voglia di spendere il biglietto, come dicevamo sopra, potrebbe essere triplicata.

Scroll To Top