Home > Rubriche > Coming Soon > Dal 29 maggio – Uomini che odiano Coco Chanel

Dal 29 maggio – Uomini che odiano Coco Chanel

Audrey Tautou è diventata Coco Chanel. Anzi, “Coco Avant Chanel“, perché ciò che la regista Anne Fontaine vuole raccontare è appunto il prima, i fatti e le storie che stanno dietro ad un nome ormai divenuto innanzitutto un celeberrimo marchio di moda ma anche stile, mito, simbolo.

Trasformazioni, quindi. L’horror “Two Sisters” del coreano Ji-woon Kim si reincarna nel suo remake americano “The Uninvited“, in cui le sisters sono l’australiana Emily Browning e la statunitense Arielle Kebbel.

Trasformazioni multiple e intrecciate toccano in sorte ad Alexander Key che scrisse il fantascientifico “Escape To Witch Mountain” nel 1968. Il suo racconto e i suoi personaggi sono finiti sullo schermo grande e piccolo più volte, dall’omonimo film del 1975 (che però in Italia diventò “Incredibile Viaggio Attraverso L’Ignoto”) all’ultima versione del 2009, dove l’avventurosa escape originale diventa una più sportiva race per dar vita a “Corsa A Witch Mountain” (“Race To Witch Mountain”) con la giovinetta AnnaSophia Robb e gli adulti Carla Gugino e Ciaràn Hinds.

Più semplici i percorsi seguiti dagli “Uomini Che Odiano Le Donne” (“Män som hatar kvinnor”) nati dalla penna di Stieg Larsson che, a qualche anno dall’uscita del fortunato romanzo, diventano materiale filmico per la regia del danese Niels Arden Oplev.
Guarda alla letteratura, e precisamente ad Agatha Christie, pure “Alibi E Sospetti” (“Le Grand Alibi”) con Lambert Wilson, Miou-Miou, Pierre Arditi e Valeria Bruni Tedeschi.

Il canadese Aristomenis Tsirbas invece nel 2003 gira un corto animato chiamato “Terra”. Nel 2007 inizia a svilupparlo come lungometraggio e lo intitola nuovamente “Terra”. La pellicola arriva ora nelle sale col titolo più avventuroso di “Battaglia Per La Terra” (“Battle For Terra”). Terra, per la cronaca, è il nome di un pianeta gemello del nostro, ma pacifico e rigoglioso, che gli umani vorrebbero depredare. E che la giovane Mala deve difendere.

Si limitano sobriamente a nascere dalle menti dei loro autori, senza passaggi intermedi e rifacimenti intrecciati, “Settimo Cielo” (“Wolke Neun”) di Andreas Desen, storia d’innamoramento e tradimento, e il musicale-biografico “Cadillac Records” di Darnell Martin con Adrien Brody, Jeffrey Wright e Beyoncé Knowels.

Scroll To Top