Home > Rubriche > Coming Soon > Dal 30 aprile – Tra supereroi, traditori, killer e creature marine

Dal 30 aprile – Tra supereroi, traditori, killer e creature marine

Un ritorno coi botti per Jon Favreu e il suo “Iron Man 2“, che riparte lì dove l’avevamo lasciato e cioè con Tony Stark, l’irresistibile Robert Downey Jr., che dichiarava al mondo la sua identità segreta di supereroe. Ad attorniarlo stavolta avremo la sventola Scarlett Johansson, il gigione Samuel L. Jackson, il mitico Mickey Rourke, il regista stesso, e altri attori di rilievo come la sofisticata Gwyneth Paltrow, Sam Rockwell, Don Cheadle e Paul Bettany. La speranza, sicuramente ben riposta, è che anche il film sia di ferro come il grande protagonista!

Un film musicale a quanto sembra dalla trama che narra di un rapporto padre-figlia conflittuale che si risolverà solo grazie alla comune passione per questa arte, oltre alla partecipazione nel cast di Miley Cyrus, la giovanissima pop-star diventata famosa grazie alla sua interpretazione di Hanna Montana. “The Last Song“, dunque, sembrerebbe essere uno di quei film che potrebbero mandare in brodo di giuggiole tutti i suoi numerosissimi fan. Certo che molto probabilmente, salvo eccezioni, sarà difficile trovarne di una certa età.

Silvio Soldini, invece, con “Cosa Voglio Di Più“, con Alba Rohrwacher, Piefrancesco Favino, Giuseppe Battiston e Fabio Troiano, ci propone un fitto intreccio di relazioni clandestine che ha come protagonista Anna, una donna apparentemente realizzata che però comincia ad avere paura dei contorni fin troppo netti con i quali si sta delineando il suo futuro. È così che la relazione passionale che instaurerà con Domenico, uomo sposato con due figli, alle spalle del suo compagno Alessio, sconvolgerà tutto il suo mondo. Sembrerebbe proprio che le corna, cinematograficamente parlando e non, non passino mai di moda!

Su tutt’altro genere e in tutt’altri lidi, il cinese Johnnie To che torna sugli schermi con “Vendicami” (“Vengeance”), interpretato da Johnny Hallyday, Sylvie Testud ed Anthony Wong. Al centro della narrazione un killer, Frank Yuma, che viene sospettato dal suo sindacato di appartenenza di essere un informatore dell’FBI. Ovviamente in molti si prodigheranno per farlo fuori, ma il killer riuscirà a sopravvivere meditando vendetta. Un tema che costituisce un vero e proprio leit-motiv del cinema del grande To. Speriamo solo che non si trasformi nel leit-motiv dei suoi spettatori inferociti…

Il 3D sembra ormai essere un punto fermo dell’offerta cinematografica odierna. Non fa eccezione questa settimana in cui ci viene proposto “Oceani 3D” (“Oceanworld 3D”), che narra il viaggio di una tartaruga marina attraverso gli oceani in cui avremo modo di esplorare questo fantastico mondo e i suoi abitanti. A doppiare abbiamo il famoso trio Aldo, Giovanni e Giacomo. Il dubbio rimane: perché se la protagonista è una tartaruga, sulla locandina compare un delfino?

Alain Resnais prova a stupirci con una folle storia d’amore, da cui il titolo italiano “Gli Amori Folli” (“Les Herbes Folles”), in cui un uomo e una donna si avvicinano a causa dello smarrimento del portafogli da parte di quest’ultima e del ritrovamento da parte del primo. I due, quindi, per forza di cose si incontreranno cadendo nella trappola dell’amore. Certo che se il film fosse stato ambientato in Italia, stando al simpatico e sicuramente infondato luogo comune sulla nostra mascalzonaggine, il ritrovatore avrebbe pensato prima di tutto a soffiarsi i quattrini!

Apparentemente molto interessante il documentario di Edoardo Winspeare, intitolato “Sotto Il Cielo Azzurro“, dall’asilo e centro culturale romano Cielo Azzurro che sta alla base della narrazione. Trattasi di un luogo dove molti maestri di età e di formazioni diverse, cercano di prendersi cura nel migliore dei modi dei bambini stranieri nell’intento di creare coesione sociale e culturale. Un compito quanto mai arduo e lodevole che sicuramente sarà stato ben registrato dal regista. L’auspicio è che venga visto, e soprattutto compreso, da chi ancora indulge in atteggiamenti intolleranti nei confronti del diverso, sempre ammesso che gli appartenenti a tale categoria ne siano capaci.

Uno strano duo attoriale quello formato da Claudio Amendola e Paola Cortellesi riuniti in “La Fisica Dell’Acqua“, in cui Ale, un bambino di sette anni che, perso il padre anni prima, si ritrova ad odiare lo zio Claudio che vuole vendere la villa sul lago dove vive con la mamma. Per ripicca, allora, manomette i freni della sua auto, dove però inaspettatamente sale anche sua madre. I due, ovviamente, avranno un incidente e il bambino si ritroverà affiancato da un commissario che si prenderà cura di lui durante le indagini. Una trama che suscita una certa dose di curiosità. Certo non osiamo immaginare cosa avrebbe escogitato il bambino se lo zio avesse venduto direttamente la madre!

Scroll To Top