Home > Rubriche > Coming Soon > Dal 30 aprile – Wolverine, Hannah Montana e Valérie la ninfomane

Dal 30 aprile – Wolverine, Hannah Montana e Valérie la ninfomane

Correlati

Hugh Jackman ci teneva molto, ed è anche molto soddisfatto del risultato. Hugh Jackman è stato Wolverine per ben tre volte al cinema e torna ad esserlo in “X-Men Le Origini: Wolverine” (“X-Men Origins: Wolverine”), pellicola tratta dai comics della Marvel e che funge da prequel alla fortunata saga degli uomini mutanti; a fianco di Hugh, un Liev Schreiber in versione artigliata nei panni di Victor/Sabretooth.

Lo sceneggiatore Nicholas Meyer aveva già incontrato la scrittura di Philip Roth nel 2003 adattando per il cinema “La Macchia Umana”; ora ci riprova con “L’Animale Morente”, portato sul grande schermo dalla regista spagnola Isabel Coixet con il titolo di “Lezioni D’Amore” (“Elegy”). Cast traboccante di classe e carisma con Penélope Cruz, Ben Kingsley, Dennis Hopper, Patricia Clarkson.

State Of Play” era una miniserie tv inglese andata in onda sulla BBC nel 2003 con David Morissey, Bill Nighy, Kelly McDonald e diretta da David Yates. Ora è un film di Kevin Macdonald con Russell Crowe, Ben Affleck, Helen Mirren, Robin Wright Penn.

“Festen” era un film di Thomas Vinterberg del 1998, il primo ad essere girato secondo le celebri regole di Dogma 95. Undici anni dopo, sepolto il Dogma, Vinterberg gira “Riunione Di Famiglia” (“En Mand Kommer Hjem”): ancora un dramma familiare, ancora una commedia nera e cattiva.

Valérie – Diario Di Una Ninfomane” (“Diario De Una Ninfómana”) era invece un libro. Autobiografico, dal titolo eloquente, scritto da Valérie Tasso, nata in Francia ma trapiantata a Barcellona. Ora è un film di produzione spagnola interpretato da Belén Fabra.

Prima di dar vita ad “Hannah Montana: The Movie“, anche Hannah era (solo) la protagonista di una serie tv. Uno di quei prodotti di Disney Channel smaglianti e colorati, nati per ribadire la ormai quasi totale sfiducia della Disney nelle matite a favore di star canterine e ballerine a malapena maggiorenni, come per l’appunto la sedicenne Miley Cyrus, recentemente reclutata anche per doppiaggio e colonna sonora di “Bolt”.

Che Guevara era un rivoluzionario. Qualche settimana fa era in sala con la prima parte del film biografico diretto da Steven Soderberg. Ci torna ora, sempre incarnato da Benicio del Toro, con “Che – Guerrilla” (“Guerrila”).

Scroll To Top