Home > Rubriche > Coming Soon > Dal 6 maggio – Tra tamarri, boxeur, maestre e falsari d’arte

Dal 6 maggio – Tra tamarri, boxeur, maestre e falsari d’arte

Correlati

Anticipazione il 4 col quinto capitolo di una delle saghe più tamarre della storia del cinema. Stiamo parlando di “Fast & Furious 5” con i soliti Vin Diesel e Paul Walker che questa volta sono coinvolti in una rapina da cento milioni di dollari. Se siete amanti della saga e vi piace il puro action fracassone e grezzo, allora sarete i primi a correre al cinema.

Ancora più tamarro sarà sicuramente “Machete“, film il cui trailer era inserito nel trashissimo “Planet Terror” di Robert Rodriguez. Se avete amato lo stile e l’anima di quella pellicola allora non potete perdervi questo film che vede come protagonista Denny Trejo, attorniato da attori del calibro di Robert De Niro, Jessica Alba, Steven Seagal e Michelle Rodrigquez. Quasi sicuramente l’opera nostalgica di Rodriguez riuscirà a fomentare più di uno spettatore.

Il regista di “Io Sono Leggenda”, Francis Lawrence, torna al cinema con questo “Come L’Acqua Per Gli Elefanti” (“Water For Elephants”), interpretato da un cast assortito composto da Reese Witherspoon, Robert Pattinson, Christoph Waltz, Paul Schneider, Jim Norton e Hal Holbrook. La pellicola è ambientata negli anni della Grande Depressione e vede come protagonista uno studente di veterinaria che si unisce ad un circo e qui viene turbato da due figure che devono subire le angherie del direttore. Ancora una volta Lawrence adatta un romanzo per il cinema, speriamo che questa volta non susciti le ire degli ammiratori dello stesso.

Altro adattamento è “Tatanka“, tratto da un racconto di Roberto Saviano e incentrato su un ragazzo che riesce a districarsi dalle maglie della camorra, appassionandosi allo sport della boxe, grazie al quale riuscirà ad ottenere degli ottimi risultati. La speranza è che anche il film ottenga gli stessi risultati e non faccia rimpiangere i fasti di “Gomorra”, opera più che apprezzabile sia nella sua veste letteraria che cinematografica.

Presentatore di Mtv, Massimo Coppola è il regista della pellicola “Hai Paura Del Buio” che ha come protagonista Eva, una giovane operaia di Bucarest che, dopo essere stata licenziata, decide di partire per l’Italia arrivando a Melfi e facendo la conoscenza di un’operaia della Fiat. Non tutto andrà per il verso giusto e si giungerà ad una svolta drammatica. Sembrerebbe una pellicola interessante e anche alquanto attuale.

La Misura Del Confine“, ennesimo film italiano della settimana, racconta del percorso di due topografi, uno italiano e uno svizzero, che nel loro lavoro di ristabilizzazione dei confini tra i due stati, pervengono alla scoperta di un delitto avvenuto nel dopoguerra. La singolarità del plot potrebbe essere la sua carta vincente, unito anche alle ottime atmosfere che potrebbero contrassegnarlo.

Isabella Ragonese è la protagonista de “Il Primo Incarico“, film ambientato nel 1953 e incentrato su una giovane maestra che viene trasferita in Puglia e che qui incontra un clima ostile e non rispondente alle sue aspettative. La donna però, forte e volitiva, riuscirà a trovare un suo posto e scoprirà sorprendentemente di avere ancora molto da imparare. Forse non è tra i più appetibili della settimana, ma il talento dell’attrice protagonista è un buon biglietto da visita per il film.

Per finire abbiamo “Senza Arte Né Parte” con Vincenzo Salemme, Giuseppe Battiston, Donatella Finocchiaro, Ernesto Mahieux, Paolo Sassanelli e Ninni Bruschetta. Trattasi di una commedia incentrata sul mondo dell’arte contemporanea e su come spesso il confine tra ciò che è arte e ciò che non lo è, è veramente molto labile. I protagonisti, operai di un pastificio chiuso proprio per fare da deposito ad alcune opere d’arte, si ritroveranno ad utilizzare i “ferri” del loro mestiere per improvvisarsi artisti contemporanei. Il cast è invitante, anche se la sensazione è che quasi sicuramente non si tratterà del film dell’anno.

Scroll To Top