Home > Rubriche > Coming Soon > Dal 7 maggio – Tra vampiri, negoziatori e animali parlanti

Dal 7 maggio – Tra vampiri, negoziatori e animali parlanti

Dopo le avventure cinofile di “Hachiko”, Lasse Hallström decide di dedicarsi ad una storia d’amore nata nel contesto post 11 Settembre. Un ragazzo arruolato nell’esercito si innamora di una dolce studentessa, ma presto i due vengono divisi da una missione militare che richiama lui ai propri doveri. L’unico contatto sarà rappresentato da lettere d’amore che assumeranno un ruolo decisivo nell’evolversi degli eventi. Pare proprio che Hallström, anche con questo “Dear John“, non riesca ad abbandonare le sdolcinatezze, nemmeno quando si occupa di questioni del tutto estranee ad esse come la guerra.

Seguendo la scia cinematografica ormai indelebilmente segnata dalla figura dei vampiri, Paul Weitz ci propone “Aiuto Vampiro” (“Cirque Du Freak”), tratto dalla saga di Darren Shan, con John C. Reilly. Due amici si recano ad uno spettacolo itinerante dove un vampiro morde uno dei due; il ragazzo allora si unirà al circo dove si esibiscono strane creature, fino a quando non si ritroverà nel bel mezzo di una lotta interna tra vampiri, e dovrà combattere per mantenere vivo l’ultimo scampolo di umanità che gli è rimasto. Certo che Reilly, ottimo attore, sembra proprio non avere il physique du role per interpretare un vampiro.

Sul piano comico-demenziale abbiamo un duo imperdibile, Steve Carrell-Tina Fey, affiancati da attori di un certo livello come Mark Wahlberg, James Franco, Mark Ruffalo e Ray Liotta. In “Notte Folle A Manhattan” (“Date Night”) una coppia sposata da anni rivive i vecchi tempi con un appuntamento settimanale fisso. Una sera il marito decide di cambiare programma e di portare la moglie in un ristorante lussuoso di Manhattan senza aver prenotato, sostituendosi così ad un’altra coppia che non si è presentata. Questi però sono dei famosi ladri ricercati che metteranno nei guai i due tranquilli coniugi. Insomma, se ne vedranno sicuramente delle belle!

Su un piano ancora più tremendamente demenziale abbiamo “Puzzole Alla Riscossa” (“Furry Vengeance”), con Brendan Fraser e Ken Jeong, in cui un uomo si trasferisce in una casa nei boschi perché si sta occupando della costruzione di un centro residenziale. Oberato dalle lamentele della famiglia abituata alla vita in città e del capo fin troppo esigente, dovrà vedersela con la rivolta degli animali che si oppongono alla distruzione del loro habitat naturale. Ormai San Francesco si sarà rigirato così tante volte nella tomba da non rendersi più conto di quanti film in cui gli uomini parlano con gli animali vengano prodotti.

Due Vite Per Caso“, invece, ci fa tornare seri dato che si tratta di una pellicola ispirata ai fatti del G8 di Genova: un ragazzo si ritrova sospeso nella dimensione dell’attesa, senza sapere cosa poter fare del suo presente e del suo futuro. In una situazione psicologica così precaria sarà facile cadere preda di alcuni istinti incontrollabili.
Nel cast Isabella Ragonese, Monica Scattini, Rocco Papaleo e Lorenzo Balducci. Ci sarà indubbiamente da riflettere sulla condizione sociale odierna dei giovani e sulle possibilità che questi hanno di esprimersi e di realizzarsi. La speranza è che non si tratti superficialmente un tema alquanto interessante.

In collaborazione con Giovanni Soldati, Stefania Sandrelli si è dedicata alla sua prima regia con “Christine Cristina“, nel cui cast compaiono Amanda Sandrelli, Alessandro Haber e Alessio Boni. Al centro della narrazione la poetessa Cristina da Pizzano, figura emblematica del passaggio tra il Medioevo e l’Umanesimo, importantissima perché fu la prima donna che riuscì a mantenersi unicamente col mestiere di scrittrice. Ammesso che ne abbia bisogno, resta da verificare se la Sandrelli riuscirà a mantenersi solo col mestiere di regista!

Le Ultime 56 Ore” di Claudio Fragrasso con Barbora Bobulova, Gianmarco Tognazzi, Luca Lionello, Primo Reggiani e Libero De Rienzo, è una sorta di action all’italiana il cui protagonista è un poliziotto-negoziatore sempre impegnato in missioni rischiosissime, cosa che lo ha messo in crisi con la moglie e la figlia quindicenne. Al centro del tutto una nuova missione segretissima che lo condurrà verso vecchie conoscenze lavorative e non. Speriamo solo di non dover negoziare col proprietario del cinema per riavere i soldi del biglietto!

Film abbastanza curioso, “Fratelli D’Italia“, è una sorta di documentario sul multiculturalismo presente nel nostro paese con interviste a tre ragazzi stranieri di adozione italiana che si raccontano e ci raccontano le difficoltà di inserimento nella nostra società. Ognuno con i propri sogni e desideri, ognuno con le proprie problematiche. Un modo particolare per entrare in contatto con tre culture diverse che scalciano per non essere inglobate e cancellate da quella in cui sono inserite, o tentano di inserirsi. Anche il film, quasi sicuramente, scalcerà per farsi guardare da più di quattro gatti.

Sabina Guzzanti torna all’attacco con “Draquila – L’Italia Che Trema“, documentario dedicato alla tragedia dell’Abruzzo e incentrato soprattutto sul post-terremoto. Non mancheranno sicuramente le polemiche e la messa a fuoco di magagne e intoppi vari. Per fortuna che, registicamente parlando, la Guzzanti non è soggetta a censure e oscurantismi di nessun tipo. Per chi vuole aprire gli occhi e ragionare su una pagina scottante e dolorosa della nostra storia, quasi sicuramente sarà il film da non perdere.

Scroll To Top