Home > Recensioni > Dan Keying: Black Swan
  • Dan Keying: Black Swan

    Dan Keying

    Data di uscita: 17-09-2008

    Loudvision:
    Lettori:

Un atteso ritorno

Dan Keying, singer nei due album dei Cydonia è tornato dopo un lustro di silenzio, con un progetto solista.

Dotato da madre natura di una delle ugole migliori dello stivale (e forse tra le più sottovalutate), il bolognese ha rispolverato l’heavy rock transoceanico degli anni ’80 e lo ha sposato con la tradizione melodic-prog italiana. Tra rimandi continui ai Secret Sphere ed ai primi Vision Divine, Dan ritorna anche sul concetto di ballata romantica, vent’anni fa immancabile in ogni buon album di heavy metal a stelle e strisce.

Il vero significato di “Black Swan” si trova alla voce “mainstream” ed è, alla fine, un ottimo espediente per avvicinare al metal chi mastica prevalentemente il linguaggio della canzone melodica.

L’album può dirsi riuscito nella misura in cui non gli si attribuisca un eccessivo sperimentalismo: dieci brani di heavy/A.O.R., con forti aspirazioni epiche, arrangiati con un tappeto di tastiere e da un riffing che, sebbene non originale, è quanto meno accattivante. Difetta sensibilmente la produzione. Ma la valenza ludica che ha la proposta rende agevole sorvolare sulle poche sbavature.

Scroll To Top