Home > Recensioni > dan le sac Vs Scroobius Pip: Repent Replenish Repeat

Correlati

“Cara, io vado a letto”

L’amore nato sei anni fa tra il produttore Daniel Stephens (dan le sac) e il poeta Peter Meads (Scroobius Pip) non è ancora giunto al capolinea.
“Repent Replenish Repeat” è il terzo album per il duo britannico, incentrato su sonorità perlopiù dure e industriali, che a volte caricano d’ansia e senso di disagio interiore.

Le liriche, come da tradizione per la coppia maschile, sono inflessibili, rigide, nutrite dall’astio nei confronti delle ingiustizie operate dalla società odierna (anche nel mondo musicale, lo recita “Gold Teeth”).
L’hip-hop anticonformista si rivela in tutte le sue forme dissidenti, ma imbocca la strada dell’abitudine: che ci sia bisogno di reinventarsi?

Nel panorama alternativo dan le sac Vs Scroobius Pip rimane un nome di cui ci si può fidare, specialmente se si è inclini alla polemica, alla misantropia e all’elettronica. La parlantina di Meads è inimitabile e stavolta si concede pure qualche (raro) momento di benevolenza (“I’m not saying you’re perfect, but you’re really, really good”, dice in “Stunner”).
Peccato per quel senso di routine da marito e moglie che non sanno più come rinfrescare il rapporto.

Pro

Contro

Scroll To Top