Home > Recensioni > Dan Sartain: Too Tough To Live
  • Dan Sartain: Too Tough To Live

    Dan Sartain

    Loudvision:
    Lettori:

Rapido, veloce, incisivo

Ah finalmente sono tornati gli Hives dopo cinque anni? È la prima, spontanea domanda che emerge al termine di questi 20 minuti (sì, 20 minuti) di musica.

Qui ci troviamo davanti a una strepitosa one-man-band. Dan Sartain proviene dall’Alabama ed è giunto al sesto disco in studio. Tredici pezzi per una durata media di un minuto e mezzo a brano. Nemmeno i White Stripes di “Fell In Love With A Girl” concentravano in così poco tempo tanta buona roba.

Più che al rockabilly, con cui Dan si è fatto conoscere, qui ci troviamo davanti ad un vero e puro garage-rock senza fronzoli, incisivo come un pugno allo stomaco, ben prodotto.
Il rock’n’roll non è morto.

Se avete voglia di ballare (ma non col tunz-tunz), se avete voglia di sballarvi (senza assumere nulla), se avete voglia di scatenarvi (e siete soli a casa) dovete fare soltanto una cosa: mettere questo album, premere play e farvi trasportare da ciò che esce dalle casse. Concentrato puro di rock’n’roll, spremuta delle migliori caratteristiche del garage che ha contraddistinto artisti come Hives e White Stripes unite a ritmi costantemente sopra le righe: un album effervescente come non si sentiva da tempo, che mette allegria in un periodo in cui di allegria ce n’è ben poca. Bravo Dan, grazie per questi bei 20 minuti di spensieratezza.

Pro

Contro

Scroll To Top