Home > Recensioni > Daniele Coccia: Il Cielo di Sotto
  • Daniele Coccia: Il Cielo di Sotto

    La Grande Onda / A1 Entertainment S.p.A.

    Data di uscita: 27-10-2017

    Loudvision:
    Lettori:

E’ uscito il 27 ottobre “Il cielo di sotto”, primo disco solista di Daniele Coccia, frontman de “Il muro del canto”, per La Grande Onda/La Zona distribuito da A1 Entertainment Spa.

E’ un gradito ritorno quello del Coccia, che dopo tre album in romanesco con la sua band, torna a suonare nella lingua ufficiale, l’italiano. I temi di rivalsa popolare e lamento delle condizioni difficili dei tempi attuali continuano a risuonare, la firma di Daniele resta comunque semplicemente sua.
L’ecletticità dell’artista Vincitore della Targa MEI 2017 Super Band come Miglior Cantante è – in questo album – la nota di fondo di ogni brano. A curare la produzione esecutiva Piotta, padrone della label indipendente romana “La Grande Onda”.Un disco di dodici tracce, dieci inediti e due cover che hanno coerenza con le scelte ispirate che guardano alla musicalità del passato piuttosto che alla scena attuale, Coccia richiama De Andrè con “Un blasfemo” e “Roma è una prigione” di Patti Pravo. Un brano merita più attenzione di tutti:”Il conformista”,un blues marcio e circense, sul quale, il testo, gioca con infinite immagini d’ipocrisia sociale e culmina nella coscienza dell’uomo che è visto come semplice frutto da spremere, a favore del mercato capitalista.

Trentasei minuti di ascolto che richiamano dapprima un altro ascolto, e poi via in loop. E’ chiaro che bisogna essere appassionati del genere, un folk da vecchio cantautorato in stile Tenco, con chitarre acustiche stile USA, ma in un mondo sempre più diviso tra i vecchi “indie” e i giovani “mainstream”, tra le contaminazioni pop nel cantautorato e il conservatorismo dei suoni da garage, un album così “innovativo” per quanto ripeschi nel passato, è una gran bella scoperta. Un album indie anche nella scelta dei club per il tour promozionale, piccoli localini che conservano ancora l’underground di un tempo, per un lavoro che non fa dell’indipendenza una bandiera per vendere ma uno stile coerente di arte.

TRACKLIST

1. Il Cielo di sotto

2. Aceto Blu

3. Lo Straniero

4. Mantice

5. Roma è una prigione

6. Che cosa resta di noi

7. Mezzo Soldato

8. Verso te

9. Il Conformista

10. Un Blasfemo

11. Un dolore fa

12. Giustizia Sommaria

 

Pro

Contro

Scroll To Top