Home > Recensioni > Dark Illusion: Where The Eagles Fly
  • Dark Illusion: Where The Eagles Fly

    Dark Illusion

    Loudvision:
    Lettori:

Old Wave Of European Power Metal

Speed Power epico, come da tradizione nord europea, retro nel songwriting ed essenziale nel sound. Nessuno spazio per tastiere o campionatori. Il quartetto svedese, del resto, sta ancora smaltendo il materiale scritto negli anni ’80 e poi abbandonato dopo lo split.

Come volete che suoni, dunque, questo secondo full length? Se non ve lo ricordate, vi rinviamo alla voce Nocturnal Rites e Destination’s Calling. Cosìcché, mentre voi leggete, noi ci godiamo qualche sporadico assolo e un paio di riff che ci riportano ai bei tempi. Ma fate in fretta: non reggeremo molto!

Le cose vanno fatte subito e non devono essere trascinate nel tempo: altrimenti si fa la figura dei vecchietti che con la camicia sbottonata e la brillantina vanno a ballare in discoteca.

Pro

Contro

Scroll To Top