Home > Recensioni > DAVE I.D.: Response
  • DAVE I.D.: Response

    DAVE I.D.

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

Signor Metafore

Chissà, magari “Response”, il titolo dell’EP di DAVE.I.D, nasce da tutte quelle persone che, all’uscita del precedente EP (“Gangs”) gridavano «Datecene ancora, vi prego, così è poco».

E così DAVE.I.D, creatura misteriosa che – si dice – un tempo faceva il contabile – si sa – a Londra, ce ne ha dato ancora. Nella fattispecie, dieci tracce di elettronica e grime, quello meno mondano e più oscuro, contaminato di new wave, trip-hop, downbeat e una voce nasalissima che picchia sotto la crosta dei brani.

Prima di tutto, “Response” è un disco atmosferico, e racchiude un tale, destabilizzante, senso di vuoto da far sospettare che non ci sia un vero e proprio nucleo. Ma, ogni volta che si pensa di averne la certezza, TAC, il brano inchioda, svela il suo significato: il disco di DAVE.I.D è un’unica grande figura retorica, è – scusate l’immagine – un continuo susseguirsi di camere ampie e umide, cupissime, sostenute dallo scheletro apparentemente inconsistente dei pezzi, in cui echeggiano effetti su effetti. E se non regge le dieci tracce, ne regge almeno otto.

Pro

Contro

Scroll To Top