Home > Recensioni > Davide Shorty: Straniero
  • Davide Shorty: Straniero

    Macro Beats / A1 Entertainment S.p.A.

    Data di uscita: 24-02-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Straniero” è il primo album di Davide Shorty, in uscita oggi 24 febbraio per Macro Beats, distribuito da A1 Entertainment.

“Straniero” più che un semplice titolo è una condizione; ma non sempre si sente straniero chi davvero lo è, e lo stesso Davide ne è l’esempio lampante. La prima traccia, “Terra”, riassume la sua storia: racchiude il suo amore – odio per l’Italia, che ha dovuto lasciare (“un sogno mi ha chiamato via dalla mia terra”), e che lo ha indotto a sentirsi straniero, nonostante fosse la sua terra natale. Eppure, canta: ”Ogni volta che ritorno quasi non me ne andrei”.

Lo straniero, però, è anche colui che si sente estraneo dal mondo circostante. “Nessuno Mi Sente”, infatti, parla di alienazione da una società in cui ognuno sembra essere talmente impegnato a vivere la propria vita virtuale, fatta di smartphone, social, da non accorgersi di cosa, e soprattutto di chi, lo circonda.

Le sonorità internazionali che attraversano tutto l’album, che vanno dal soul, all’r & b, passando per l’hip hop e il funk, riescono ad adattarsi alla perfezione ai testi in italiano. “Straniero” riesce a far convivere due mondi: la musica black ed il cantautorato italiano. Questo intreccio risulta non solo ben riuscito, ma anche rappresentativo di Davide in quanto “cittadino del mondo”, non troppo vicino all’Italia, ma neanche abbastanza lontano da non onorarne le tradizioni.

 

Pro

Contro

Scroll To Top