Home > Recensioni > Deimos: Lettere Per Un Mondo Perfetto
  • Deimos: Lettere Per Un Mondo Perfetto

    Deimos

    Loudvision:
    Lettori:

Deimos, lavori in corso

Album di debutto per la band di Acqui Terme che si sta già facendo strada nel clima alternativo italiano calcando vari palchi ed aprendo concerti a band come gli Afterhours.

Dieci tracce raccolte nell’album “Lettere Per Un Mondo Perfetto” che filano lisce come l’olio, che seguono la linea di un rock classico che solo a tratti diventa amaro, duro, dark.
La chitarra, il basso e la batteria suonano in un unico fluido e lineare percorso, che si fonde ad una voce linda, ed il tutto è accompagnato da momenti elettronici niente male.

Il tema filo conduttore di tutto il disco riguarda la crisi dei valori, quella crisi dovuta alla post-modernità che ci sta trasformando in automi facendoci dimenticare l’umanità che oggi rimane latente in ognuno di noi.

“Speriamo che mi accetino per quello che penso”, “mi stupisci solo se stai zitta”, “il tempo passa poco”. La tanto amara quanto semplice verità viene riportata come una novità svelata. Un sufficiente inizio per una band al suo debutto ma non ancora troppo matura per riuscire a raccontarsi celando, nell’alone del mistero dark, nell’ombra delle rock band, nuove o ristudiate sensazioni.

Pro

Contro

Scroll To Top