Home > Interviste > Delain: Una pioggia di positività

Delain: Una pioggia di positività

Il 25 novembre abbiamo intervistato i Delain in occasione della tappa italiana del tour che li vede gruppo spalla dei Sonata Arctica.
Per chi non li conoscesse i Delain sono la nuova band dell’ex tastierista dei Within Temptation Martijn Westerholt. Il primo album “Lucidity” del 2006 dava l’immagine di un progetto musicale sostenuto da numerose partecipazioni. Il nuovo album “April Rain”,molto più personale, comincia a fornire l’immagine reale della band senza il supporto di guest star. Ma sentiamo cosa ci ha detto in proposito Martijn Westerholt stesso.

Ciao. Finalmente siete in tour. Come sta andando? Come ti senti?
Sì, siamo in tour con i Sonata Arctica per cinque settimane. Sono molto emozionato per questa sera. È la seconda volta che suoniamo in Italia, ma la prima volta era solo un piccolo evento promozionale; niente a che vedere con il concerto di stasera. Sono previste 2000/3000 persone. Poi sono molto soddisfatto di accompagnare una band come i Sonata Arctica. Sono melodici come noi anche se i loro ritmi sono più serrati. Posso dirmi un grande fan delle band finlandesi.

Cosa ti aspetti dal pubblico italiano?
Mi aspetto una mentalità più mediterranea. Dalle mie parti in Olanda il pubblico è più severo e ti osserva molto mentre suoni.
Anche in Germania abbiamo trovato lo stesso tipo di approccio. Mentre in Italia il pubblico è “pazzo”: nel senso positivo del termine (ride, ndr). Anche in Francia e in Spagna abbiamo avuto un’accoglienza molto calda. Comunque aldilà delle differenze tra i Paesi posso dirmi soddisfatto della risposta del pubblico.

Parlando del nuovo album, quali erano le tue idee quando hai cominciato a lavorarci su?
Volevo fare un album che fosse proprio della band. Come sapete “Lucidity” era un progetto al quale hanno partecipato molti artisti e che alla fine mi è un po’ sfuggito di mano. “April Rain” è tutto nostro ed esprime meglio le nostra sonorità. Posso dire, in tal senso, che facciamo musica pop vestita di “heavy”, con suoni forti ma allo stesso tempo molto dinamici.

Quindi è così che possiamo definire il sound dei Delain?
Esattamente. Le nostre canzoni sono molto melodiche, prevedono diversi cambi di accordi ma allo stesso tempo contengono riff molto forti. In “April Rain” siamo riusciti ad esprimere meglio questo sound.

Chi di voi scrive le canzoni?
Quasi tutta la musica e le parti strumentali sono scritte da me mentre i testi li scrive Chalotte. Poi ogni componente della band ha una sua canzone e alcune le ho scritte con un’altra persona che io definisco “il sesto Delain”. Non fa parte della band, ma mi aveva già aiutato quando suonavo nei Within Temptation. Nel complesso io do la direzione del lavoro cercando di creare un clima molto democratico in cui ognuno da il suo contributo e impara dagli altri.

Com’è stato il passaggio dai Within Temptation ai Delain? Come l’hai vissuto?
Per quanto mi riguarda è stata una cosa molto serena. Ho lasciato i Within Temptation in un buon momento, non li ho abbandonati. Ho avuto modo di fare molta esperienza con loro ed il loro successo è anche il mio successo. Inoltre sono parte della mia famiglia. Ora con i Delain sto cercando di costruire un progetto più personale nel quale riesco ad esprimermi in modo più completo.

I Delain sono un po’ il tuo giocattolo…
Esatto (ride, ndr). Ma rimane sempre un posto nel mio cuore per i Within Temptation; sono la mie radici.

Cosa ci dici sui vostri impegni futuri?
Questo è un buon momento per la nostra band: stiamo crescendo molto facendo esperienze su palchi sempre più grandi ed importanti. Ora finiremo il tour e andremo negli Stati Uniti dove abbiamo in programma alcune date importanti. Poi ci metteremo subito al lavoro su un nuovo album. Abbiamo già diverse idee e alcuni pezzi già registrati.

Grazie per la tua disponibilità e buona fortuna per la tua band.
Grazie mille!

Ottimi propositi supportati da un album che dà prova delle buone capacità della band.
Un po’ di caratterizzazione in più e tempistiche più ristrette potrebbero essere obiettivi futuri ma ora… gustiamoceli come sono!

Scroll To Top