Home > Recensioni > Delenda Noia: Noia Estetica
  • Delenda Noia: Noia Estetica

    Delenda Noia

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

New wave che non tradisce

Bendati dal nero, cavalcando l’onda di acque profonde e oscure. La musica che sta tornando in auge è quella new wave. Nel caso dei Delenda Noia il loro modo di interpretare la cultura degli anni ’80 è riferito a quella vena più elettronica, dove semplici batterie tengono il tempo per dar maggior rilievo alle tastiere, che di sicuro in queste dieci tracce non annoiano per niente.

Duo emiliano, che ripercorre le tematiche di quei gruppi che hanno fatto la storia con il lato nero della musica. I testi, che a volte sfiorano il pessimismo cosmico come nella track “La Canzone Dell’Addio”, sono bellissime parole che si identificano perfettamente nella melodia.

La new wave non tradisce mai.

La casa discografica Disco Dada incomincia davvero a rafforzare le sue radici nel panorama musicale italiano. I Delenda Noia sono un loro tassello importante per un’etichetta che punta maggiormente su suoni elettronici.

L’ Emilia si trasforma, musicamente parlando, nella regione più dark. La musica che maggiormente la contraddistingue è quella che si rifà alla parte più intima e tetra di noi. Forse il periodo di Vasco e del Liga sta davvero volgendo al termine, a meno che il Lucianone nazionale non cominci a truccarsi in stile The Cure.

Pro

Contro

Scroll To Top