Home > Recensioni > Deproducers: DNA
  • Deproducers: DNA

    Ala Bianca / warner

    Data di uscita: 05-04-2019

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

Il terzo capitolo dell’opera dei Deproducers è arrivato. Il suo nome è “DNA”. È nato in collaborazione con l’AIRC. Ed il suo contenuto è un tesoro dal valore inestimabile (soprattutto se consideriamo l’epoca in cui viviamo).

Musica e scienza: due mondi apparentemente così distanti. Ma che possono non solo convivere pacificamente, ma viaggiare sullo stesso binario. Ce lo insegnano i Deproducers con questo nuovo lavoro. “DNA” tenta di spiegare i misteri della genetica. Racconta la storia che accomuna ogni essere umano, a partire dalla formazione delle cellule, alla comparsa dell’Homo Sapiens, fino alle nuove conquiste della genetica. E non solo. Si parla di malattia, intesa come “guasto del processo”. E si parla di quanto sia importante la ricerca scientifica in quanto patrimonio culturale e di quanto il ruolo della conoscenza sia rilevante in ogni campo.

8 capitoli, ognuno riguardante un tema specifico, 70 minuti in tutto. 70 minuti per raccontare la storia dell’uomo. Con la voce narrante dello scienziato Telmo Pleviani (che ha scritto i testi insieme a Vittorio Cosma).

La musica può avere un potere così ampio da riuscire ad insegnare e a donare qualcosa a chi la ascolta, a far aprire gli occhi su nuovi mondi e nuove prospettive. Può rendere accessibili a tutti (ma davvero tutti) argomenti di fondamentale importanza. Questa è la bellezza della musica. Ed è per questo che il lavoro dei Deproducers merita di essere ricordato.

 

Pro

Contro

Scroll To Top