Home > Recensioni > Destine: Illuminate
  • Destine: Illuminate

    Destine

    Loudvision:
    Lettori:

Musica per ragazzini caldi

La sottoscritta non ha mai nascosto di odiare particolarmente i brani easy da colonna sonora di teen movie.
Ecco i Destine, fotocopia dei Paramore ma con linee di voci meno incisive.

Tanto non serve altro che essere allegri ed evocativi, quando si è giovani e bellocci. Ogni tanto si fa anche il pezzo più impegnato, con un testo che elenca nobili desideri, la tastiera tipo Coldplay e si reputa di aver portato a termine il compitino (il riferimento è a “All the People”).

I pezzi sono piacevolmente anonimi, si susseguono precisi, ben eseguiti, uno uguale all’altro, e mentre li si ascolta si immaginano eventuali scene di “Beverly Hills 90210″ delle quali potrebbero essere sottofondo. Che so, “Wait Forever” è un momento drammatico pre rappacificazione, “Unbreakable” invece ha Steve che corre. Una lotta contro il tempo. Invece quando Brenda sente nostalgia di Dylan parte “Thousand Miles”. I due non torneranno insieme. La puntata finale, quando rivediamo tutti i momenti belli trascorsi assieme, è con la ballatona “Best Kept Secret”. In conclusione, se avete meno di vent’anni e siete femmine, comprate quest’album di corsa. Sennò, lasciate perdere.

Pro

Contro

Scroll To Top