Home > Recensioni > dEUS: Selected Songs 1994 – 2014
  • dEUS: Selected Songs 1994 – 2014

    Pias / Self

    Data di uscita: 25-11-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Le ultime settimane del 2014 vedono la pubblicazione di “Selected Songs 1994-2014”, doppio disco che celebra la ventennale carriera dei belgi dEUS.

Non è semplice riassumere gli avvenimenti che hanno interessato la carriera della band nell’arco di quattro lustri. Dalle frequenti voci di scioglimento, agli ancor più frequenti cambi di line-up, senza dimenticare i progetti collaterali (vi dice qualcosa Magnus?), Tom Barman e soci si ritrovano oggi a condensare tutto ciò in trenta tracce, a cui è affidato il compito di memoralia, non solo della loro carriera, ma di un’epoca intera.

I dEUS hanno costruito la propria fortuna sulla miscela sapiente di sonorità eterogenee (dal rock al pop, senza tralasciare echi jazz e blues) di stampo internazionale, ritagliando vere e proprie istantanee sul mondo, in bilico fra presente e passato; in questo modo la malinconica ed incazzata “Instant Street“, che apre il primo disco, somiglia al manifesto del rock bittersweet 90’s. E le altre selected songs non sono da meno: scorrendo la tracklist è impossibile non cadere nella tentazione del loop su “Roses”, “Serpentine”, “Bad Timing” e sulla pregevole versione live di “Sun Ra” (registrata nel marzo 2012 a Budapest).

Un doppio disco dove si non si respira – per fortuna! – il tanfo stantio dei greatest hits, quanto il profumo di cambiamento e… del mare. Sì, il mare, quel mare talmente caro a Barman da dedicargli, in tempi non sospetti, il titolo di due album: In A Bar, Under the Sea (1996) e Following Sea (2012) e, allo stesso modo, “Selected Songs 1994-2014” rappresenta una bussola per solcare e cavalcare un’onda lunga vent’anni.

Un lavoro incredibile che, siamo certi, non passerà inosservato.

 

Pro

Contro

Scroll To Top