Home > Interviste > Le Deva: “Siamo i quattro elementi della natura”

Le Deva: “Siamo i quattro elementi della natura”

Lo scorso 17 ottobre un piccolo palco del Café Trussardi a Milano ha ospitato la conferenza stampa della presentazione del disco di debutto de Le Deva, “4″, in uscità 20 ottobre sotto l’etichetta di New Music International.
Ad aprire l’incontro Monica Landro della New Music che invita sul palco le protagoniste: Verdiana Zangaro, Greta Manuzi, Laura Bono e Roberta Pompa, ovvero Le DEVA, la prima girlsband contemporanea tutta italiana e tutto inizia con l’ascolto del primo brano del disco Semplicemente io e te per poi passare all’esibizione dal vivo di Amore Merita e La Fine del Mondo in versione semplicissima ma efficace – solo quattro voci delle cantanti accompagnate dalla chitarra di Verdiana. Nel frattempo ascoltiamo dal disco anche il brano Il Mago lo Sa in featuring con Alessio Caraturo.
Tra un brano e l’altro le ragazze spiegano il loro concetto della band tutta al femminile e del nome del gruppo ispirato alle divinità indiane di quattro elementi, ma anche ad Eva, la prima donna sulla terra. Monica Landro porta anche le buone notizie: 4 è il secondo album nella categoria preorder di iTunes e Le DEVA sono anche incluse nella playlist Tendenze di Spotify.

Dopo l’esibizione arriva il breve appello di Pippo Landro di New Music di dare più supporto alle eticchette indipendenti, musica indipendente e artisti come Le Deva, poi si procede con le domande dei giornalisti.

Avete parlato dei quattro elementi che vi rappresentano.. chi è quale?

Roberta: Io sono la terra. Mi sono sempre sentita l’elemento terra, racchiudo tutti gli elementi ma sono loro in realtà a completare l’elemento terra.

Laura: Io sono il fuoco. Continuo a scoppiettare come una specie di camino. Penso che ci equilibriamo e che sia la musica a dare un po’ di ecquilibrio al mondo.

Greta: L’acqua. Diciamo che è il simbolo di purezza e io sono purissima Ma a parte gli scherzi – sono abbastanza testarda e ci metto tutta me stessa ad arrivare dove voglio arrivare, un po’ come l’acqua che si scava la strada. Mi sento molto determinata.

Verdiana: L’aria. Siamo diverse e proveniamo dai mondi musicali molto diversi, e ci siamo ritrovate perfettamente nei “nostri” elementi. Non abbiamo mai discusso.. Sono anche un segno d’aria e ho scritto una canzone del mio disco precedente che si chiamava Aria.

Le Deva: Ci siamo anche tatuate i nostri elementi..

Questo album – parliamo dell’aspetto extramusicale – è la conseguenza del fatto che avevate tante cose da dire da tempo e volevate dirle anche senza peli sulla lingua, vero?
Laura: Sì, siamo riuscite a esprimerci anche grazie agli autori, perche siamo autrici di alcuni pezzi, in altri ci siamo avvalse della collaborazione di altri autori che sono riusciti a leggerci.

Verdiana: E diciamolo che non è facile scrivere per quattro persone: quattro vocalità diverse, quattro personalità diverse. Anche per noi che abbiamo scritto alcune parti non è stato semplice perché a volte una cosa risulta molto personale..

Laura: In alcune canzoni come L’Amore Merita dove si parla appunto senza peli sulla lingua, diciamo pane al pane, vino al vino e in questo ci ha aiutato anche Johnny Scandal come in Cose che si dicono che parla della non concretezza delle parole, delle promesse che dovrebbero essere come dei nodi, e invece spesso sono aria.

Qualche dettaglio su come è nato il video (per il singolo Semplicemente io e te), dove è stato fatto?

Le Deva: Eravamo in Puglia, a Porto Cesario, è stato molto bello e divertente, poi abbiamo preso la bronchite Non volevamo più scendere dalla barca!

Volevo sapere qual è l’esperienza che avete tratto da questo disco? E poi, se per caso dall’album è stato escluso qualche brano magari per febbraio (Festival di San Remo)?

Verdiana: Sicuramente il disco è l’apice di questo che è stato un anno e mezzo di lavoro, abbiamo imparato la condivisione, il lavoro di squadra. Questo disco, secondo me, dal punto di vista musicale ha delle cose interessanti da dire perché unisce sapientemente la melodia italiana, dei testi che non sono proprio banali e un sound del pop elettronico italiano, un mix di cose cantato da quattro voci diverse che proprio perche sono diverse, funzionano.

Greta: Adesso stiamo lavorando a una canzone, per febbraio dovrebbe uscire.. Incrociamo le dita!
Questo progetto nasce con altro componente (Simonetta Spiri), successivamente sostituita da Laura Bono, che ha un percorso artistico molto diverso… Cosa ha portato Laura in questo progetto?

Roberta: Laura è un’artista e una persona straordinaria. Ha sicuramente portato tanta energia positiva.

Greta: Diciamo che ha alle spalle un’esperienza, io mi sento ancora molto piccina, ho ancora tanto da fare e guardarla mi ha dato tanto, mi ha insegnato un sacco di cose, è stata un tasello mancante.

Verdiana: Ha portato anche un po’ di rock’n’roll nella band.

Scroll To Top