Home > Recensioni > Devin Townsend: Ziltoid, The Omniscient
  • Devin Townsend: Ziltoid, The Omniscient

    Devin Townsend

    Loudvision:
    Lettori:

Ziltoid colpisce ancora

Ormai la storia la conosciamo: ogni volta che Devin Townsend sforna un disco si inspessisce sempre di più la schiera di chi lo considera un genio, come di contro fa la parte che lo vede come un sopravvalutato “uomo qualunque”. Purtoppo (o per fortuna) anche questa volta l’eclettico artista non ci da modo di risolvere la diatriba sopracitata perché, per quanto ci siano novità interessanti in questo nuovo full-length, siamo comunque di fronte ad un disco dei suoi.
Il filo conduttore di quest’opera sono i viaggi interspaziali di questo simpatico alieno Ziltoid, narrati attraverso undici capitoli dove è spesso la massiccia dose di elettronica a farla da padrona. Nonostante le peculiarità del marchio Townsend ci siano tutte (varietà delle composizioni, sperimentazione, estemporaneità), è interessante constatare come vi siano anche altre influenze che vanno a creare atmosfere azzeccate, identificate nella violenza di canzoni come “Planet Smasher”, che riconducono agli Strapping Young Lad, o nelle divagazioni rock – elettroniche di episodi quali “Hyperdrive”. In definitiva, è un disco di Devin Townsend, e come tale va capito, digerito e assimilato, operazione non certo facile vista e considerata l’ elevata caratura artistica del soggetto e la perizia tecnica ed esecutiva dei musicisti coinvolti, che grazie ad una songwriting sempre fresco, danno vita ad un’ amalgama efficace, ben condita dalla già citata elettronica votata alla ricerca di effetti “spaziali e intergalattici” al fine di creare la giusta atmosfera idonea al concept del disco.
Tante cose sarebbero ancora da dire, ma li succo del discorso è che Devin Townsend ne ha “combinata” un’ altra delle sue e, come spesso accade per determinati artisti, non sarà certo questo il disco che gli farà guadagnare nuovi consensi. Per tutti gli altri invece, godetevi questo “Ziltoid, The Omniscent”, perché, anche se non si può parlare di capolavoro, è comunque un disco a cui vale la pena dedicare la propria attenzione.

Scroll To Top