Home > Recensioni > Dezperadoz: An Eye For An Eye
  • Dezperadoz: An Eye For An Eye

    Dezperadoz

    Loudvision:
    Lettori:

Wild West Metal

La sfida del terzo album rappresenta da sempre il crocevia verso il successo o la hall del dimenticatoio. “An Eye For An Eye” dei teutonici Dezperados arriva a otto anni di distanza dal debut “The Dawn Of Dying”, portando con sé buone premesse verso l’ascesa nell’olimpo dei metalhead. Alex Kraft, altrimenti noto come chitarrista del progetto Onkel Tom di Tom Angelripper, segue le orme tracciate fin dagli esordi proponendo un heavy metal influenzato da sonorità e tematiche western, da cui trae origine il concept dell’album dedicato alla narrazione della condanna a morte di un assassino, colpevole di aver ucciso l’amico in nome della religione.

Banjo e armonica contribuiscono in maniera sostanziale a ricreare l’atmosfera yankee che caratterizza il sound dei Nostri, riscoprendo la propria dimensione nei refrain e nei momenti di apertura (“Days Of Thunder”). L’attitudine hard rock si insinua in questo contesto delegando la propria presenza alle graffianti linee melodiche delle sei corde e della voce di Alex e trovando compimento in brani quali “Hate”, “Wild Bunch” (Benedictum docet) e “Wild Times”. Ai pezzi originali si aggiungono due cover più che degnamente rivisitate: “25 Minutes To Go” di Mr. Johnny Cash e “Riders On The Storm” degli intramontabili The Doors, cui spetta una particolare menzione di lode.

L’imprinting generale dell’album prosegue inalterato fino alla fine, regalando momenti di indiscussa qualità e garantendo cinquanta minuti di piacevole evasione in cui il tempo viene scandito dal tintinnio degli speroni e lo sguardo abbagliato dal rossore del tramonto all’orizzonte.

Scroll To Top