Home > Report Live > Diaframma: il “Preso Nel Vortice” tour a Brescia

Diaframma: il “Preso Nel Vortice” tour a Brescia

Per essere un venerdì sera in quel di Brescia ci sono poche anime.
Per essere un venerdì sera alla Latteria Artigianale Molloy, anche meno.
A uccidere l’imbarazzo delle assenze sono i Jet Set Roger, quelli che fanno “la musica che si ascolterebbe a Sanremo se il paese andasse diritto invece di storto” (cit.). In effetti se la cavano, i non-più-giovanissimi sul palco, tra voce e tastiera, batteria dirompente e basso corposo. Gli applausi, inizialmente timidi, si fanno via via sicuri e decisi, fino a quando il palco non viene lasciato vuoto.

Aspettiamo il cambio ed ecco arrivare il ciuffo argenteo del Fiumani, pronto soprattutto a presentare il suo ultimo lavoro, “Preso Nel Vortice”.
“L’odore delle rose è una reazione chimica”: basta questo per accendere l’attenzione del pubblico, la cui prima fila è composta da una mini-schiera di quarantenni (uno già ‘mbriachello) che le sa tutte. E si sente. Ma anche vede.
Giungono poi “Diamante Grezzo” e “Elena”, mentre su “Siberia” l’applausometro registra gradimento colossale. C’è spazio pure per una cover dei Television, a cui i Diaframma sono sempre stati vicini.
Sarà che la gente non è sì tanta al cospetto dei quattro, ma il tono generale della performance tende al piattume, nonostante alcuni slanci di vita (“Vaiano” diventa oggetto di una simpatica discussione coi presenti).
Sapendo bene che non si sarà mai felici tra i venti e i trent’anni, i Diaframma salutano e se ne vanno, lasciando il quarantenne- ormai perso in una dimensione parallela- a incitare l’audience (“Su le mani, stronzi!”, che poi diventa “Su le mani, figlioli”).

Nemmeno cinque minuti dopo il gruppo fa di nuovo capolino e parte con “Verde”, per passare dunque a “Tre Volte Lacrime” e “Blu Petrolio”.
Non si poteva chiedere di meglio per concludere la serata, se non la celeberrima “Gennaio”, in cui Federico Fiumani si toglie di dosso ogni imbarazzo per esprimersi in piena libertà.
Un dubbio atroce ci assale, alla fine: ma il quarantenne dal discutibile tasso alcolemico, proprio lui, dove minchia è sparito?

 

SETLIST

L’Odore Delle Rose
Diamante Grezzo
Elena
Siberia
Bella
(Cover dei Television)
Madre Superiora
Annoiamoci
Fiore Non Sentirti Sola
Vaiano
Ho Fondato Un Gruppo
Stai Lontano Da Me
Infelicità
Io Amo Lei
Altrove
Amsterdam
Labbra Blu
Il Suono Che Non C’è
Claudia Mi Dice
I Sogni In Disparte

ENCORE
Verde
Tre Volte Lacrime
Blu Petrolio
Gennaio

Scroll To Top