Home > Recensioni > Diana Winter: Tender Hearted
  • Diana Winter: Tender Hearted

    Beta Produzioni / Goodfellas

    Data di uscita: 29-10-2015

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Tender Hearted” è il titolo del secondo album della cantautrice Diana Winter, uscito il 29 ottobre 2015 e prodotto tra l’Italia e l’Inghilterra da Beta Produzioni, un lavoro stilisticamente eterogeneo che mescola, sapientemente, al suo interno derivazioni rock, pop, soul e funk. Realizzato col produttore e ormai amico Fabio Balestrieri, “Tender Hearted” si presenta come un album musicalmente maturo e raffinato, impreziosito da importanti collaborazioni internazionali (Phil Gould dei Level 42 alla batteria, Neil Black agli archi, Al Slavik al basso).

Dieci tracce, dinamiche e grintose, che raccontano al meglio la visione artistica di Diana Winter. “A better Man” è il brano posto in apertura dell’album, una canzone dal sapore folk, autobiografica. Segue “Why Did You?” un brano dalle sonorità più spiccatamente rock, che racchiude in sè una critica neanche troppo velata alla società odierna, stesso tema che ritroviamo nelle successive “Get Out Of My Head” e “You Want It“. “Heavy On My Heart” è una ballad dalle atmosfere country e avvolgenti, con un pizzico di ironia che serpeggia qua e là tra i versi, raccontando la storia di un amore complicato.

Travolgente ed energica l’irriverente “My Name“, uno dei primi brani scritti da Diana in età giovanissima ma che ha conservato nel tempo la sua carica. Atmosfere r’n’b pervadono “Don’t Want You Around“, in cui c’è un evidente richiamo all’esperienza vissuta in prima persona dei talent.

Ci accompagna amabilmente a chiusura dell’album, la ballad acustica “April Lane“, un brano che ci trasporta dolcemente nel passato di Diana. Un disco dunque pervaso da atmosfere che ben spiegano il concetto di “dualità”, insito nel titolo stesso “Tender Hearted”, che rappresenta al meglio la personalità di questa cantautrice, scissa tra un’esteriorità apparentemente forte, aggressiva e un animo dal “cuore tenero”.

Pro

Contro

Scroll To Top