Home > Recensioni > Differènce: Agosto Divide
  • Differènce: Agosto Divide

    Autoprodotto / none

    Data di uscita: 16-05-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Le loro chitarre non le scorderete facilmente: i Differènce hanno preso le cose seriamente con “Agosto Divide”, un dieci tracce di grunge italiano, sporco intenzionalmente e coinvolgente.

Il duo dirty pop romano sembra avere perfettamente in testa quello che vuole fare e le idee molto chiare, cosa che non passa inosservata all’orecchio dell’ascoltatore: le tracce danno l’impressione di costruirsi su dualismi ben ponderati, come la chitarra possente accanto all’orecchiabilità più vicina al pop, un cantato pulito ma contemporaneamente energico. Ecco, forse a tratti troppo, che diventa quasi urlato, e dà una sensazione di sforzo della voce. Il loro punto di forza lo troviamo invece nelle chitarre, per nulla scontate e di un bel grunge alla Nirvana, anni ’90 pieni, come in “Cinghiale” e “Quello Che Conta”. Aspetto negativo: i testi. La parte testuale purtroppo impoverisce anche quella musicale, e li provincializza un po’. Certo, dall’altra non si può non tenere conto che i due fanno tutto da loro, dalla scrittura dei brani, passando per la registrazione, fino al missaggio fatto rigorosamente in casa e usando programmi open source. Un buon potenziale ma anche tanto su cui lavorare.

 

 

Pro

Contro

Scroll To Top