Home > Recensioni > Discordance Axis: The Inalienable Dreamless
  • Discordance Axis: The Inalienable Dreamless

    Discordance Axis

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Speculazioni su un un dopo grind a venire.

I Will Live Forever…Alone. 

Questa la conclusione definitiva di una musica che ha portato con sé le stigmati dell’estasi nella violenza. L’epitaffio significativo che campeggia sul retro di questa pregiata confezione formato DVD, custode di uno dei momenti più elevati nell’ambito del (dopo) grindcore. Atto doveroso e dovuto per un album che merita di essere conosciuto e venerato anche nella nostra penisoletta. Tre singoli elementi – Jon Chang alla voce, Rob Marton chitarre e Dave Witte batteria – in un concentrato di estremismo ipercinetico e ultratecnico che, almeno in parte, ha portato nuova linfa e significato alle dinamiche grindcore, aiutando a ridefinirne l’estetica in seno a una mutazione trasversale ed eccellente. Nonostante questo, il disco in questione non è assolutamente uno degli esempi più contaminati o sperimentali (a questo ci pensano gli Agoraphobic Nosebleed) del circondario, ma, solamente, no dei più intensi; ricco di carica emotiva anche per la bellezza paradossalmente delicata delle proprie liriche. A far da contorno al tutto una puntualità metronomica, non solo nella sezione ritmica (Dave Witte è ormai assurto a Re in Giallo del panorama estremo. Vedi Human Remains, Atom/Phantomsmasher, Burnt By The Sun, Melt Banana, East West Blast Test, Exit-13) ma anche nella creatività insita nelle diciasette tracce. Noise rock, power violence, Voivod, math rock e Assück si fondono e si confondono, in un album meraviglioso, a tratti angosciante grazie alle urla e ai gorgoglii di Jon.
Ora, dopo aver ascoltato una volta in più i Discordance Axis, ritorniamo all’inizio, che è la fine, alla fin fine, pensando al significato di quelle parole: …Alone.
 ps. vi invitiamo caldamente a cercare il remix operato da Masami Akita aka Merzbow su TUTTO l’album in questione. Un tempo era disponibile gratuitamente sul sito, ora è più difficile trovarlo. Buona caccia.

Scroll To Top