Home > Recensioni > Divanofobia: Divanofobia
  • Divanofobia: Divanofobia

    Divanofobia

    Loudvision:
    Lettori:

Divanofobia

I Divanofobia sono una band bolognese nata nell’inverno 2008 da quattro musicisti creativi. Questo inizio 2011 vede la pubblicazione del loro primo EP: sei tracce per un pop-rock-poetico-cantautorale con suoni che vanno dal pop-rock classico, al funk, al noise, e che fanno da sfondo ai vari giochi di parole inseriti nei testi, frutto anche della collaborazione con il poeta contemporaneo Roberto Batisti.

L’EP si apre con “Sorprendente”: un inno al caffè che sottolinea l’importanza delle piccole cose della vita. Si prosegue con “Civiltà”, una vera e propria poesia ermetica, l’acustica “Forza E Sigarette”, la funkeggiante “Abrasioni”, per poi passare a “Cabala Di Luna”, con il suo desiderio di libertà, e si chiude con “Dopo L’Alba”, altra poesia acustica.

Ad un primo ascolto può sembrare un album difficile ed i testi in versi risultare un po’ troppo contorti, già dal secondo ascolto però si può apprezzare la ricerca stilistica dei “quatto più uno” artisti. Musicalmente in questo EP c’è qualcosa che rimanda ad armonie già sentite ma che comunque risultano originali quando accostate a liriche non banali.
Menzione particolare a “Sorprendente” per il bel significato, sottolinea l’importanza delle piccole cose che consideriamo scontate, ma la cui mancanza creerebbe non pochi problemi.

Pro

Contro

Scroll To Top