Home > Recensioni > Donamorte: Donamorte
  • Donamorte: Donamorte

    Donamorte

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Crotone, ma con più inglese

I Donamorte sono un progetto musicale nato dalle menti oscillanti di Armando Ammerata, Garmo e Kekko, questi ultimi due già parte dei Lost Reality.
Dopo aver viaggiato in lungo e in largo negli svariati generi musicali esistenti, i tre decidono di fermarsi a metà tra il meanstream – rappresentato dalla ballabile elettronica – e l’alternativo, di cui l’ascendenza goth/trance è il succo.

Quattro pezzi composti per mezzo di tastiere, chitarre, software e una voce; liriche scritte rigorosamente in lingua inglese e che trattano di furor amoris misto a morte, speranze, vita vissuta.
Insomma, terre per nulla inesplorate, che se non altro l’intonazione corretta e i giri armonici sottostanti rendono piacevoli a guardarsi durante l’ascolto.

Il mix di differenti declinazioni musicali conferma quanto i tre musicisti conoscano bene il proprio ambito, tuttavia ciò non li salva dalla mancanza di originalità.
Per essere poliedrici, poliedrici sono. Ma questo non basta.
Attendiamo un disco intero.

Pro

Contro

Scroll To Top