Home > Recensioni > Dorian Gray: Forse Il Sole Ci Odia
  • Dorian Gray: Forse Il Sole Ci Odia

    Dorian Gray

    Loudvision:
    Lettori:

Pop al buio

Risorgono dopo undici anni di silenzio i cagliaritani Dorian Gray, con la seconda uscita di una collana che coniuga musica e immagini in eleganti booklet oversize affrescati con linee semplici e dirette, quasi fumettistiche, da Igort.

Ci si aspetta un album crepuscolare e invece tra le orecchie scivola un pop delicato e introspettivo, con sudati testi nostrani. Difficile scrivere in italiano, una lingua troppo sanguigna, si rischia di essere eccessivamente concreti, precisi, mentre la poesia spesso vive di vagheggi e imperfezioni. Davide Catinari forse usa troppi aggettivi, per essere convincenti o anche solo pragmatici in italiano c’è bisogno di doti poetiche fuori dal comune, altrimenti si rischia di scadere nel banale o nel retorico.

I Dorian Gray padroneggiano bene le ramificazioni più tangenziali dell’alternative rock, dal pop moderno alla new wave, con una fragilità di fondo che rimanda ai Katatonia, con le chitarre incerte che ondeggiano come figure al sole dietro linee di calore. Preziosismi nei suoni e negli arrangiamenti svelano la perizia e l’esperienza della band, spicca la title-track, concisa e trascinante al punto giusto per essere messa in repeat o magari cantata a squarciagola, da chi si lascia coinvolgere facilmente.

Una meritata sufficienza diventa qualcosa in più in virtù del fatto che trovare gruppi così in Italia, oggi, è davvero difficile. I Dorian Gray non scimmiottano tendenze ma traggono ispirazione, hanno senso della misura, della composizione e della progressione. Gradito ritorno di un gruppo maturo che potrebbe diventare importante sbilanciandosi verso sperimentazioni più coraggiose.

Se non altro una cosa bisogna riconoscerla ai Dorian Gray: finalmente un cantante italiano che non è il fratello del bassista messo lì perché l’ho sentito sotto la doccia e se la cava! L’underground italico è pieno di voci scadenti che ne rivelano la sostanziale amatorialità, i cagliaritani invece fanno sul serio e si sente. Anche questo contribuisce a farceli osservare con quei due grammi di interesse in più che fanno pendere la bilancia a loro favore.

Pro

Contro

Scroll To Top