Home > Recensioni > Duff: Ci Sono Gente Che Non Stanno Bene
  • Duff: Ci Sono Gente Che Non Stanno Bene

    Duff

    Data di uscita: 13-11-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Inoffensivo

Un po’ punk à la Nofx e un po’ rockettino tricolore, con piccole incursioni nel reggae e nello ska: è il sound dei calabresi Duff, fondati nel 1998 e giunti al quinto lavoro in studio.

Le canzoni sono affrontate con allegria e spigliatezza, al punto che la chiusura è affidata a una lunga chiacchierata registrata al contrario. Tanta melodia e una sezione ritmica precisa lasciano i testi in primo piano: si parla di vuoti politicanti (“Parla Politico”), sfumature di ipocrisia borghese (“Cristianità”, “Voglio Diventare Un Hipster”), ricordi giovanili e contestazioni (“La Tua Storia”, “Tutto Bene”). Il sentimento qua e là odora ancora di adolescenziale e la forma grammaticale subisce qualche affronto.

I Duff soffrono partiture ineccepibili ma scontate e testi non particolarmente ficcanti. Per qualche tempo, dopo il primo giro nello stereo, “CSGCNSB” cresce e si guadagna il rispetto. Il salto di qualità, il tuffo nella testa dell’ascoltatore, si fa tuttavia attendere. La mischia rumoreggia intorno alla band, la sincerità non è sufficiente per fare emergere questo disco.

Pro

Contro

Scroll To Top