Home > Recensioni > Dumper: Dumper
  • Dumper: Dumper

    Dumper

    Loudvision:
    Lettori:

Truzzone visu

“Suonare, bere… ma insomma, dai, che cazzo, tutto quello che riguarda R’n’R e METALLO!!!!”
Questo è ciò che piace fare ai tre rockettari modenesi, a quanto risulta dalla loro pagina facebook.

Le liriche delle ultime canzoni scritte dai bruti non smentiscono: “Volts”, “Drag Me To Hell”, “On And On” suonano come i successoni di AC/DC et similia, in puro hard rock tendente al metal.
La voce è lineare, con qualche acuto dove serve fare revival, più truce per dare l’aspetto del cattivo maledetto.
Il basso è lo strumento che fa da padrone, nonostante le chitarre intendano farsi sentire con spocchiosa saccenza.

Chi ha vissuto la gloria di questo genere rimpiangerà l’originale.

Lo Malaguti, Eddie Cantoni e A. J. Frassi sono uomini, ormai, non di certo ragazzini.
Lo si nota sia dalle foto contenute nel libretto del disco, sia dal fatto che sono musicalmente esperiti.
La perizia, però, non va a braccetto con l’innovazione, nel nostro caso.

Pro

Contro

Scroll To Top