Home > Recensioni > Duo Bucolico: Cosmicomio
  • Duo Bucolico: Cosmicomio

    La Fabbrica / none

    Data di uscita: 26-04-2016

    Loudvision:
    Lettori:

È uscito il 26 aprile per la Fabbrica e Cinedelic “Cosmicomio“, il nuovo disco del Duo Bucolico, la coppia formata dai due cantautori romagnoli Antonio Ramberti e Daniele Maggioli.

Dal loro debutto nel 2008 con “Cantautorato Illogico” non hanno mai perso la verve ironicamente polemica e quella comicità assurda che li contraddistingue. Non tradisce le attese degli appassionati neppure il sesto album, Cosmicomio, pastiche irriverente che intreccia il gracchio tipico del cantautorato italiano politicamente impegnato e un falsetto più spensierato. Dietro alla follia cosmica, al manicomio galattico, che si delinea più precisamente di traccia in traccia, si cela però un’amara disamina del nostro mondo. La coppia attinge al regno assurdo dell’infanzia, vagheggiando una pedarchia, in cui senza ipocrite riserve sono raccontati gli impulsi terribili dei bambini: in un genicidio cosmico sono rimasti soli, liberando finalmente tutta la carica eversiva della loro nuova costituzione, dove finalmente è permesso rotolarsi nel fango, mangiare caramelle senza lavarsi i denti e constatare la morte dello zio con quell’olimpicità che solo gli dèi o i bambini conoscono. La regressione è infatti la cifra costante dell’album, e, coerentemente, la fiaba è la dimensione stilistica in cui è calato il racconto.

Marziane insaziabili attraversano lo spazio per un amplesso, ritornando insoddisfatte alle proprie galassie, robot animati si aggirano sulle spiagge di Numana, mentre si certifica l’assoluta mancanza di senso di ogni ideologia. Emblematico il caso de “L’Odio Cosmico“, che irride antiteticamente il battito di mani di “Give Peace a Chance ” di John Lennon, e che viene attraversata fugacemente da uno Zucchero che presta i suoi ritornelli a madri nevrotiche. Puro realismo magico, insomma, nella micro e nella macrostruttura. Musicalmente un disco fatto bene, piacevolmente arrangiato, in grado di mescolare suoni evocativi e disturbanti. Un punto debole: la monotonia del ritmo e del motivo.

Tracklist:

01 – L’IMPERO DEI BAMBINI
02 – L’ASTRONAVE DELL’AMORE (VERDE LIBIDO)
03 – AMO I POLITICI
04 – PING PONG
05 – L’ODIO COSMICO
06 – BARBANERA feat. i Camillas
07 – SENZA TE STO feat. Supermarket
08 – CIAVATTA K
09 – I CAMALEONTI
10 – MANOLA ROBOT (SULLA SPIAGGIA DI NUMANA)

Pro

Contro

Scroll To Top