Home > Recensioni > East Rodeo: Morning Cluster
  • East Rodeo: Morning Cluster

    East Rodeo

    Data di uscita: 24-09-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Lo sconquasso

Nenad Sinkauz, Alfonso Santimone, Federico Scettri e Alen Sinkauz sono in arte il rodeo d’oriente, inginocchiato all’amore per la diversità- del resto sono un quartetto a metà tra l’Italia e la Croazia- e per la musica fatta con modestia e coerenza.

“Morning Cluster” è il terzo disco per il gruppo, difficile da etichettare sotto un unico genere, data la vastità delle influenze che si percepiscono: sperimentale, improvvisazione, qualcosina di jazz, rock, hardcore e senza alcun dubbio la classica che, volenti o nolenti, è la base di tutto.
Le dieci tracce sorprendono l’ascoltatore in un susseguirsi di lampi, cambi d’atmosfera, voci spezzate e turbolenze che in men che non si dica si placano nettamente.

Consigliamo questo album a tutti gli accaniti sostenitori dell’eccentrico e dell’ingenio inteso come talento congenito, mai artefatto o scopiazzato da secondi.
Gli East Rodeo sono certamente influenzati da numerosi generi (lo ammettono loro stessi sulla pagina facebook ufficiale), ma hanno trovato il giusto modo di riutilizzarli.

Pro

Contro

Scroll To Top