Home > Rubriche > Music Industry > Ecco i pro e i contro per scegliere meglio

Ecco i pro e i contro per scegliere meglio

Ormai i tempi sembrano maturi perché il 3D diventi una realtà in tutte le case. Le offerte di TV e lettori Blu-ray compatibili fioccano da tutte le parti e, come avviene sempre in questi casi, la scelta non è semplice. Meglio un fantastico televisore a Led ultrasottile o un più massiccio plasma? Se fosse così facile dare una risposta, una delle due tecnologie sarebbe scomparsa già da tempo. Il fatto è che entrambe hanno pregi e difetti che possono far propendere la scelta per una o per l’altra. È un po’ come dover scegliere tra una Ferrari e una Rolls. Cerchiamo, quindi, di capire quali sono le caratteristiche più importanti che possono influire sull’acquisto.

Il primo dei parametri su cui puntano molto i vari costruttori per convincerci della qualità del loro prodotto è il cosiddetto refresh, ovvero il numero di aggiornamenti al secondo dei pixel. Per gli LCD si parla di 120Hz, 240Hz o 480Hz mentre per i plasma si arriva addirittura a 600Hz. Più è alto questo valore e migliore dovrebbe essere la qualità perché si ottengono immagini più nitide e senza fastidiosi effetti scia con scene in movimento. Di certo le nuove TV sono molto più veloci da questo punto di vista, ma ancora non in grado di raggiungere realmente i valori di refresh indicati. Da questo punto di vista i plasma offrono una tecnologia migliore in quanto i fosfori utilizzati negli ultimi modelli hanno un tempo di latenza molto più basso eliminando qualsiasi effetto ghosting.

Una domanda, poi, che ci si pone spesso è se si riesce a visualizzare bene l’effetto 3D anche se non ci si trova in una posizione perfettamente frontale al televisore. I fosfori utilizzati nei plasma, per loro stessa natura, emettono la luce in tutte le direzioni offrendo un elevato angolo di visualizzazione. Negli LCD la retroilluminazione è perpendicolare al piano della TV: quando ci si sposta lateralmente, quindi, si può avere una distribuzione della luminosità meno uniforme. Le nuove tecnologie riescono a mitigare di molto questo effetto, ma i plasma continuano a rimanere superiori. Quindi, quando si è in molti a dover guardare un film in 3D, un plasma rappresenta la scelta migliore perché consente una buona visione anche a coloro che si trovano posizionati un po’ lateralmente.

Il terzo e ultimo fattore importante da prendere in considerazione è la luminosità. In questo gli LCD, soprattutto quelli che utilizzano la tecnologia a Led, si comportano meglio riuscendo a fornire immagini molto luminose. Si deve considerare poi, che la visione dei film in 3D, proprio per come funzionano gli occhialini attivi, comporta una certa perdita di luminosità. I plasma non sono sicuramente da buttare, ma gli LCD su questo aspetto vincono facilmente.

In conclusione, possiamo dire che entrambe le tecnologie hanno raggiunto un livello di sviluppo tale da riprodurre i contenuti in 3D con una buona qualità. I plasma sono ancora leggermente superiori perché offrono una migliore fedeltà nei colori, un angolo di visuale più ampio e neri perfetti. Gli LCD, però, hanno consumi molto più contenuti e garantiscono una durata maggiore. Naturalmente tutte queste considerazioni valgono se la comparazione viene fatta su televisori di stessa fascia di prezzo. E prima di acquistare, sempre meglio provare di persona e non fidarsi solo degli slogan pubblicitari che spesso sono solo uno specchio per le allodole.

Scroll To Top