Home > Recensioni > Eclettica: Dieci
  • Eclettica: Dieci

    Eclettica

    Data di uscita: 24-06-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Non così fuori dagli schemi

Tra il 2002 e il 2012, se sapete contare bene, vi accorgerete che intercorrono esattamente dieci anni, tanti quanti sono quelli portati dalla band. Ecco perché gli italianissimi Eclettica hanno deciso di promuovere a titolo del primo LP tale numero.

Il genere proposto è un misto di new wave e rock dai toni perlopiù scuri, senza ombra di dubbio contagiato dai paradigmi di The Cure ed affini. Il dieci torna anche come numero di canzoni, tutte scritte in italiano e intrise di una visione grigia della realtà in cui è principalmente il tema dell’amore (“Mordimi”, “Neppure Amante”) a svilupparsi.

L’assetto del gruppo è il classico voce, chitarre, basso e batteria; immancabile il sintetizzatore.

Fin dal primo ascolto si percepisce che qualcosa non quadra fra la descrizione con cui la band si presenta e l’effettivo contenuto del disco: “Dieci anni fuori dagli schemi e dalle definizioni tradizionali di genere per gli Eclettica” non si sposa molto bene con “Minchia se l’ho già sentita ‘sta roba, proprio uguale uguale”.
Unico punto va alle buone influenze che però vengono mal utilizzate.

Pro

Contro

Scroll To Top