Home > Recensioni > Eclipse: Bleed & Scream
  • Eclipse: Bleed & Scream

    Eclipse

    Data di uscita: 24-08-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Senza polvere

Molti sono gli Eclipse nel mondo della musica rock e in questo caso si tratta di un gruppo svedese al suo quarto disco in studio. Il prodotto contiene undici brani in grado di pigiare sfumature hard e metal all’interno di un contenitore di rock melodico.

Il mix è possibile grazie a una tastiera che si astiene dal ruolo di primadonna, da un afflato epico che va e viene, dal gusto per gli assoli marcatamente metal e da una velocità delle ritmiche anche elevata. La voce alta ma tagliente della “mente” Erik Martensson si presta sia alla vivacissima “Battlegrounds” che alla ballad anni ’80 “A Bitter Taste”, passando per il pathos di “S.O.S.” e lo sfoggio di mestiere di “Wake Me Up”.

Se c’è un disco di rock anche melodico capace di risparmiare l’ascoltatore dalle derive caramellose in tradizione aor, questo non può che essere “Bleed & Scream”. Stupisce constatare come l’album sembri davvero adatto a tutti i palati, quasi quanto una compilation delle rockstar preferite. È semplice, orecchiabile e robusto, uno stereotipo nel migliore dei sensi ripulito dalla zavorra di rigidi richiami al passato.

Pro

Contro

Scroll To Top