Home > Recensioni > Effe Punto: Coccodrilli
  • Effe Punto: Coccodrilli

    Labellascheggia / none

    Data di uscita: 30-11-2017

    Loudvision:
    Lettori:

Uscito il 30 novembre per la label Labellascheggia, Coccodrilli è l’album che raccoglie i 16 inediti di Effe Punto, alias Filippo Cecconi (già ex membro dei Ministri). Un disco voluminoso, che lascia addirittura immaginare atmosfere sci-fi anni ’80 grazie al protagonismo dei sintetizzatori di Jacopo Tarantino. È solo una questione di forma, le tracks di Coccodrilli sono narrazioni tutt’altro che fantascientifiche ma sono annotazioni di un narratore esterno della realtà, dei suoi abitanti, dei loro gesti contraddittori. Le citazioni che si possono trovare nel sottotesto musicale e testuale sono molto calate nel sano filone cantautorale italiano, da cui senza dubbio Effe Punto viene più o meno consapevolmente (e fortunatamente) influenzato. Da non perdere la dolcezza della chitarra acustica nel finale di “Intervallo: Capitano” in cui i migliori appassionati di musica riconosceranno un po’ Concato; “Carlo” è senza dubbio “figlia” di Faber, la dolcissima ed eterea “Il Fuoco E La Luna” ha un retrogusto di De Gregori. Coccodrilli è la rielaborazione personale ed attuale di un patrimonio artistico che viene assorbito e quindi espresso, e sarebbe sbagliato darne l’idea di un mero citazionismo. Filippo Cecconi è un cantautore sensibile che non si impone di prepotenza, ha una voce tenue e carezzevole che tuttavia soffre un po’ nell’utilizzo massiccio della doppia voce, che ne disperde l’incisività e accentua la distanza da chi ascolta, mentre il numero delle tracce penalizza forse un poco il buon progetto diminuendone la densità e amplificando l’opacità di alcuni passaggi.

Pro

Contro

Scroll To Top